Il delitto Mattarella

792

Palermo: il ricordo di Piersanti a 40 anni dal barbaro assassinio, lunedì cerimonia nell’aula del Parlamento regionale, sarà presente il Capo dello Stato

Lunedì 6 gennaio ricorre il 40esimo anniversario dell’assassinio del presidente della Regione Piersanti Mattarella. L’Assemblea Regionale, proprio per l’appuntamento, terrà una seduta solenne. Per l’occasione sarà presente anche il Capo dello Stato Sergio Mattarella, fratello di Piersanti. Tre saranno i minuti a disposizione per i capigruppo di ogni schieramento politico per poter commemorare l’ex governatore. Saranno presenti in tribuna Ars gli amici più stretti e i suoi ex collaboratori. Ci sarà il suo capo di gabinetto, Maria Trizzino, ma anche il suo amico Antonio Todaro, oltre a Giovanni Cordio e Rino La Placa. A volerne la presenza degli stessi sono stati i familiari di Piersanti Mattarella.

A colpire mortalmente l’ex presidente della Regione è stato un sicario che lo attendeva in prossimità del garage di via Libertà a Palermo, dal quale si apprestava ad uscire alla guida della sua Fiat per recarsi ad assistere alla messa. Il primo a soccorrere Mattarella fu proprio il fratello Sergio. È stato lui a tirarlo fuori dall’abitacolo ancora agonizzante. A 40 anni di distanza si conoscono i nomi dei mandanti, i più importanti boss di cosa nostra, ma non del killer che in quel 6 gennaio del 1980, ha sparato e ucciso il giovane presidente della Regione Siciliana.

Le sue prime azioni politiche erano volte al rinnovamento, puntando soprattutto sulla trasparenza nell’aggiudicazione degli appalti.

Dal 2018 la procura di Palermo ha riaperto le indagini rispolverando la pista “nera” per il delitto. Fra le ipotesi circolate c’era quella che la pistola usata dall’ex nar Gilberto Cavallini detto il Negro per uccidere il giudice Mario Amato, fosse la stessa che uccise Mattarella. Ma nessuno è riuscito a dimostrarlo.

Proprio qualche giorno fa la commissione antimafia di Roma ha reso pubblico il verbale integrale dell’audizione di Giovanni Falcone davanti alla commissione dell’epoca, datata 3 novembre 1988, dove parla proprio della pista “neofascista” per l’uccisione di Mattarella. “L’indagine è estremamente complessa perché si tratta di capire se e in quale misura ‘la pista nera’ sia alternativa rispetto a quella mafiosa, oppure si compenetri con quella mafiosa. Il che potrebbe significare altre saldature e soprattutto la necessità di rifare la storia di certe vicende del nostro Paese, anche da tempi assai lontani”, raccontava Falcone.

L’ipotesi di una pista nera circolò nello stesso periodo delle dichiarazioni del giudice antimafia, quando la procura della Repubblica di Palermo aveva chiesto all’ ufficio Istruzione l’emissione di due mandati di cattura. Uno era per Giusva Fioravanti, l’altro per Gilberto Cavallini. Erano loro secondo i giudici, due degli esecutori materiali dell’omicidio, due di quegli uomini prestati dalle organizzazioni neofasciste a cosa nostra. Secondo questa ricostruzione, Fioravanti avrebbe scaricato il suo revolver contro Mattarella, Cavallini sarebbe stato l’autista del commando. Un’ipotesi mai provata e non suffragata da nessun elemento di prova, se non da dichiarazioni di pentiti, successivamente inquisiti per calunnia. E infatti, contestualmente lo stesso Falcone aveva inquisito Giuseppe Pellegriti e Angelo Izzo per calunnia aggravata.

Sarebbe  stato il pentito Angelo Izzo (uno dei fautori del massacro del Circeo), ad aver pilotato le rivelazioni di Giuseppe Pellegriti (anche lui pentito malavitoso trafficante di droga di Adrano), inventando il coinvolgimento dei neofascisti: rinchiuso insieme al collaboratore di giustizia nel carcere di Alessandria, l’ex terrorista gli avrebbe suggerito i personaggi da accusare, cercando così di depistare le indagini sui delitti politici palermitani, chiamando in causa il coinvolgimento di esponenti neofascisti, la cui presenza in Sicilia è più che dubbia. Peraltro Izzo non è nuovo a clamorosi depistaggi e accuse da egli stessi formulate, ma poi crollate miseramente.

*fonte il sicilia.it 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCorrao (M5S): “Fondi territorializzati potrebbe essere l’ennesima occasione persa miserabilmente dalla Sicilia”
Articolo successivoSequestrati circa 223 mila euro ad ex funzionario dell’INPS