Accesso libero alla Tonnara e i Faraglioni di Scopello: prosciolti l’ex Sindaco Nicolò Coppola e l’Ing. Simone Cusumano.

3825

Sono stati prosciolti dal GIP di Trapani, l’ex Sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Coppola e l’Ingegnere Simone Cusumano. Entrambi erano indagati per abuso d’ufficio, danneggiamento al patrimonio storico-archeologico e violenza privata, per via di una serie di esposti e denunce presentati da alcuni amministratori della Tonnara di Scopello.

La vicenda risale al 2015, quando l’Amministrazione Coppola, decise con alcuni provvedimenti di rendere nuovamente libero l’accesso al mare dei Faraglioni di Scopello. Quest’ultimo da anni assoggettato ad un ticket, da parte di privati, per l’accesso al mare.

A dar forza ai provvedimenti la delibera approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale, nel Febbraio 2014, nel quale si demandava all’Amministrazione in corso di attivare tutte le procedure per rendere nuovamente libero l’accesso al mare antistante la Tonnara ed i Faraglioni di Scopello.  Dopo aver ricostruito la storia del libero accesso al mare antistante i Faraglioni di Scopello, con due Ordinanze Dirigenziali del luglio 2015, emesse dall’Ing. Simone Cusumano (quale responsabile del III Settore) e sottoscritte per condivisione dallo stesso Sindaco Coppola, era stato ordinato agli amministratori della Tonnara di ripristinare, nell’area demaniale marittima antistante i faraglioni e l’ex Tonnara di Scopello l’accesso pedonale libero e gratuito, così come risultava essere stato fin da tempi immemorabili. Tali ordinanze erano state eseguite direttamente dall’Ing. Cusumano coadiuvato dalle forze dell’Ordine, consentendo così ai cittadini l’accesso gratuito ma regolamentato, con presenza contemporanea all’interno dell’area demaniale di un massimo di 200 persone.

Ordinanze successivamente impugnate al TAR Sicilia dagli Amministratori della Tonnara, con richiesta di sospensiva cautelare, subito accolta dal Tribunale. Oggi la vicenda è ancora pendente al CGA, nel quale il Comune di Castellammare si trova difeso dall’avv. Claudio Calafiore. Nonostante la pendenza, l’ex Sindaco Coppola e l’Ing. Cusumano sono stati comunque denunciati dagli amministratori della Tonnara e sottoposti a procedimento penale. Durante il processo, oltre alla richiesta di archiviazioni del sostituto procuratore, Giulia Mucaria, il GIP Cersosimo ha predisposto nuove indagini per chiarire le vicenda. Tra le accuse,  anche quella di abuso d’ufficio per aver reso impossibile, nel settembre 2015, l’esecuzione di uno sfratto di uno dei locali della Tonnara, occupato da anni da un privato cittadino.

Durante il processo i difensori dell’Ing. Cusumano, Avv. Ernesto Leone, e dell’ex Sindaco Coppola, Avv. Antonino Gucciardo, sono riusciti a dimostrare che gli atti amministrativi erano pienamente leciti e che la causa dell’impossibilità di eseguire lo sfratto non era a loro imputabile. Per queste motivazioni nei giorni scorsi il GIP di Trapani ha prosciolto entrambi gli indagati.

Esprimiamo – commentano Cusumano e Coppola – piena soddisfazione per l’esito della vicenda. Siamo riusciti a dimostrare la piena liceità del nostro operato nell’ambito della complessa vicenda che, ormai da anni, vede contrapporsi il Comune di Castellammare del Golfo ed alcuni amministratori della Tonnara di Scopello nel procedimento di accesso libero alla tonnara  e con fiducia restiamo in attesa di un pronunciamento favorevole  del CGA su tale problematica. Alla luce delle risultanze probatorie emerse in questo procedimento, stiamo valutando, assieme ai nostri difensori, se possano esservi gli estremi di reato per procedere per calunnia nei  confronti degli amministratori della  Tonnara che  hanno  presentato   denuncia – querela all’autorita’ giudiziaria  contro i sottoscritti. ”.