Progetto sperimentale sul compostaggio. 200 compostiere per scuole e cittadini

755

Ieri è partito ufficialmente il progetto sperimentale sul compostaggio voluto dal gruppo Parlamentare Regionale del M5S all’ARS . Un progetto pilota che coinvolgerà luoghi pubblici e cittadini. I primi a essere partecipi di questo progetto gli alunni, ma non solo, della scuola media “S. Bagolino” di Alcamo.

I primi ringraziamenti dei deputati del M5S, in particolare della deputata Valentina Palmeri, sono stati rivolti al dirigente Provenza “per l’ accoglienza, il grande entusiasmo e la sensibilità dimostrata verso questa iniziativa”.

“La nostra non è soltanto una donazione – continua la deputata -, ma un impegno preciso verso la formazione dei cittadini, a partire dai più giovani, e per la realizzazione concreta del compostaggio in città, a partire dalla scuola, il senso di questa iniziativa è, soprattutto, di sensibilizzazione, e la riduzione dei rifiuti organici”.

“Il compostaggio – conclude la Palmeri – è una pratica fondamentale per ridurre il problema dei rifiuti e per alleviare, quindi, il problema della carenza di impianti di trattamento e smaltimento. Ad Alcamo parte oggi questa sfida impegnativa per trasformare l’organico in compost, così da alleggerire l’impatto di questi rifiuti”.

Presenti oggi all’inaugurazione della compostiera, a cui è stato dato il nome di “Nuvola”, un nutrito gruppo di parlamentari regionali del M5S, il dirigente scolastico Antonino Provenza, che ha aperto l’incontro, il sindaco Domenico Surdi accompagnato dall’assessore D’Angelo e l’esperto compostatore Giuseppe Andolina, che ha seguito tecnicamente il progetto e ha  realizzato le compostiere, oltre che organizzare la futura parte formativa.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUna centrale inquinante
Articolo successivoCastelvetrano, evade dai domiciliari: arrestato