Crisi edilizia: Venerdì a Trapani la mobilitazione nazionale davanti la Prefettura

480

Fillea Cgil, Filca Cisl e Fenal Uil: “Settore al collasso, necessario riaprire i cantieri”. Chiesto anche lo sblocco dei lavori per la realizzazione dei depuratori di Castellammare del Golfo e di Scopello

TRAPANI. Riaprire i cantieri per rilanciare il settore delle costruzioni. E’ quanto chiedono la Fillea Cgil, la Filca Cisl e la Feneal Uil che venerdì scenderanno nelle piazze di cento città per la mobilitazione nazionale “Noi non ci fermiamo”.

A Trapani i sindacati delle costruzioni di Cgil, Cisl e Uil, si ritroveranno davanti la Prefettura, in piazza Vittorio Veneto 1, per illustrare con un volantinaggio le ragioni del perché rilanciare il settore delle costruzioni vuol dire rilanciare il Paese.

“L’edilizia – dicono i segretari della Fillea Cgil Enzo Palmeri, della Filca Cisl Francesco Danese  e della Feneal Uil Giuseppe Tumbarello – è un settore al collasso che rischia di scomparire dal mercato determinando il crollo dell’economia trapanese. Tra contenziosi e lentezze burocratiche sono troppi i cantieri fermi o non ancora avviati, sebbene si tratti di opere cantierabili. Per l’edilizia e per il suo indotto è necessario che gli amministratori delle stazioni appaltanti accelerino urgentemente l’iter per l’aggiudicazione delle gare”.

In particolare tra le opere pubbliche per cui la Fillea Cgil, la Filca Cisl e la Feneal Uil chiedono lo sblocco dei finanziamenti e dei lavori ci sono il secondo lotto del collegamento delle statali 113-119 variante Alcamo, il tratto Trapani –Mazara del Vallo compreso tra lo svincolo “Birgi”sulla A 29, il collegamento alla statale 115 al chilometro 48 in corrispondenza dell’abitato di Mazara del Vallo e la realizzazione dei depuratori di Castellammare del Golfo e di Scopello.

“Occorre – dicono Palmeri, Danese e Tumbarello – una politica industriale in favore del settore delle costruzioni anche attraverso il rilancio della rete infrastrutturale, in provincia di Trapani molto debole, e con una serie di misure che incentivino gli investimenti e, dunque, l’occupazione e che riconoscano ai lavoratori diritti e tutele”.

A margine del volantinaggio i segretari della Fillea Cgil Enzo Palmeri, della Filca Cisl Francesco Danese, della Feneal Uil Giuseppe Tumbarello, il responsabile territoriale della Filca Cisl Lorenzo Scalia e il segretario generale della Filca Sicilia Paolo D’Anca consegneranno al Prefetto di Trapani la piattaforma di richieste per rilanciare il settore dell’edilizia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Iddu” in Mercedes alla stazione di Trapani, l’ultimo mistero su Matteo Messina Denaro
Articolo successivoRifiuti: riprende la raccolta dell’organico a Castellammare