Maltempo: anche domani allerta meteo arancione. Rizzo invita alla prudenza

1060

La protezione civile segnala ancora forti temporali e venti di burrasca

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Per tutta la giornata di domani il sindaco Nicola Rizzo invita ancora la cittadinanza alla prudenza poiché il dipartimento regionale della Protezione Civile ha segnalato, con codice arancione, cioè di preallarme, “condizioni meteo avverse nella nostra zona anche per l’intera giornata di domani, martedì 12 novembre. Ognuno di noi, adottando comportamenti adeguati, può prevenire e ridurre i rischi evitando di percorrere le strade costiere interessate da mareggiate a causa dei forti venti, non sostare sui porti o lungo le banchine. Occorre inoltre fare attenzione alla possibile caduta di alberi, tegole o impalcature”.

Proseguono quindi anche domani, martedì 12 novembre 2019, le condizioni meteo avverse già indicate per l’intera giornata di oggi con l’allerta arancione su buona parte della Sicilia diramata con avviso della protezione civile regionale. L’ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse integra ed estende quello diffuso ieri e differenzia le zone di intensità del maltempo.

Il rischio meteo-idrogeologico e idraulico segnalato dalla protezione civile regionale nella zona che riguarda Castellammare prevede il perdurare dell’allerta arancione anche per l’intera giornata di domani.

 In base al bollettino della Protezione civile, anche per domani si prevedono “venti di burrasca sud-orientali con raffiche di burrasca forte o tempesta. Forti mareggiate lungo le coste esposte”. Le precipitazioni saranno “diffuse e persistenti a prevalente carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePaolo Borrometi agli studenti alcamesi: “Non lasciate che altri decidano per voi”
Articolo successivoIl giornalista Paolo Borrometi cittadino di Alcamo: “Gesto simbolico per tutti i cronisti minacciati”. VIDEO. FOTO