Regreen Costa Larga: Workshop di agricoltura naturale per il ripristino dell’ecosistema a Fraginesi

1086

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Oasi Maker e il Natural Farming Center Edessa organizzano un workshop gratuito di agricoltura naturale “Regreen Costa Larga” che si terrà dal 7 al 13 ottobre in contrada Fraginesi a Castellammare del Golfo.

Il progetto ha l’obiettivo di riqualificare e riabilitare 7 ettari di terreno abbandonato e degradato attraverso il lancio delle “seed balls”, che significa letteralmente palline di semi. Questo metodo di coltivazione naturale è stato sviluppato dal botanico giapponese Masanobu Fukuoka, autore del libro “Rivoluzione del filo di paglia” e fondatore dell’Agricoltura Naturale in Giappone, una disciplina ormai adottata internazionalmente per la sua estrema validità, semplicità ed efficacia.

Le palline di semi sono degli agglomerati di semi, rivestite di argilla e zeolite; un composto che facilita l’ancoraggio immediato al suolo già con le prime piogge, permettendo una germinazione molto più efficiente.

Secondo Fukuoka: “Il solo lavoro da parte dell’uomo (a servizio della natura) è raccogliere microrganismi e semi di varie piante e spargerli in luoghi simili”, “in altre parole, senza chiedermi se sono buoni o cattivi mescolerò una grande varietà di piante forestali, da frutta, verdura, piante concimanti e inoltre felci, muschi e licheni. Comprenderò anche i microrganismi del suolo, come funghi e batteri”.

I partecipanti al workshop saranno coinvolti in una serie di attività pratiche che prevedono l’apprendimento della tecnica di agricoltura naturale di Fukuoka e il lancio delle palline di argilla sul terreno oggetto dell’iniziativa. Il workshop è diretto da Kutluhan Ozdemir, allievo di Panos Manikis e gestore dell’azienda di agricoltura naturale Panos situata a Edessa (Grecia). Il workshop è rivolto a persone di tutte le età, dai bambini ai più anziani. L’iniziativa intende riequilibrare, attraverso un’azione di Comunità,  la piaga degli incendi boschivi che minacciano costantemente gli ecosistemi. Potete seguire il progetto sulla pagina facebook di Oasi Maker https://www.facebook.com/oasimaker/. Per partecipare all’iniziativa potete contattare Matthieu, volontario di Oasi Maker, all’indirizzo e-mail matlegavre@hotmail.it.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAncora una strage al largo di Lampedusa, nove corpi senza vita recuperati e altri dispersi
Articolo successivoNaufragio Lampedusa. Lupo: “Basta propaganda sulla pelle dei migranti” e “Rivedere il trattato di Dublino”