Alcamo, ai domiciliari ma continuava a spacciare: arrestato

3500

ALCAMO. Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alcamo, durante un’operazione finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nel centro alcamese, hanno tratto in arresto il trentacinquenne alcamese Oddo Leonardo, volto noto ai militari dell’Arma poiché già tratto in arresto  per lo stesso reato nel mese di gennaio 2019.

A seguito della sentenza di condanna per i fatti di gennaio, divenuta irrevocabile nel mese di marzo 2019, all’ Oddo era stata applicata la misura alternativa al carcere della detenzione domiciliare, dove si trovava fino ad oggi.

I Carabinieri del N.O.R. di Alcamo, dopo una serie di appostamenti, notavano un notevole viavai di giovani e giovanissimi che uscivano ed entravano dall’abitazione in cui l’ Oddo si trovava ristretto. Avendo il forte dubbio che le abitudini del ragazzo non fossero variate  i Carabinieri nella giornata di ieri decidevano di eseguire un controllo più approfondito effettuando una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire un sacchetto contenente ben 270 grammi di marijuana oltre alla relativa attrezzatura per la pesatura ed il confezionamento in dosi.

Il pregiudicato veniva dunque tratto nuovamente in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, dopo essere stato accompagnato presso la Caserma dei Carabinieri di Alcamo per le procedure di fotosegnalamento e le incombenze di rito, veniva tradotto presso il carcere di Trapani “Pietro Cerulli” e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteStabilizzazione dei lavoratori Asu entro il 2020. Ok in commissione Ars all’emendamento M5S
Articolo successivoLotta all’evasione fiscale, nel 2018 solo Marsala, Alcamo e Salemi recuperano somme