“Rocco” di Olava “miglior film” e “miglior regia” la 7a Edizione del Cici Film Festival

976

È “Rocco”  del Colombiano Joaquìn Olaya  il “miglior film” premiato dalla giuria per la settima edizione del Cici Film Festival, concorso internazionale di cortometraggi estemporanei finanziato e promosso dal Comune di Castellammare del Golfo e prodotto dall’associazione Cici.

Arena delle rose traboccante di pubblico per la serata conclusiva, quando sono stati proiettati gli otto cortometraggi in gara: storie originali di giovani cineasti internazionali individuati tramite una open call e che hanno realizzato il loro cortometraggio inedito a Castellammare del Golfo dal 7 al 14 settembre, coinvolgendo abitanti e turisti come attori, comparse e maestranze.

Il corto “Rocco” è stato premiato “per una efficace sintesi di visione originale, profondità dell’interpretazione attoriale, ritmo e visualità innovativa” secondo la giuria composta  da esperti del settore:  Paolo Bravi (direttore della fotografia), Michele Cinque(regista), Aurelio Grimaldi (regista e sceneggiatore), Laura Romano (produttrice),  Alessandro Sambini (artista).

Il film del colombiano Joaquìn Olaya  ha  ottenuto anche il premio alla “miglior regia”

Menzione speciale al corto “Niní” dell’italiano Angelo Vasta “per la ricerca espressiva e l’originalità con cui il suono, la danza e la messa in scena contribuiscono a creare un potente racconto non verbale”. Il corto di Angelo Vasta ha ricevuto anche il premio della Giuria popolare

“Marcello”della coppia registica Stephan Bookas (Germania) e Giorgia Amodìo (Italia) ottiene la menzione speciale “per la giovane rivelazione” del piccolo Gaspare Piazza per l’interpretazione nel ruolo di Marcello: “per l’abilità istintiva di trasmettere, con grande espressività e delicatezza i sentimenti del suo personaggio”. “Marcelo” premiato anche per la “miglior sceneggiatura” con la seguente motivazione dei giurati: “per aver dipinto un ritratto di bambino solitario e di un’amicizia senza fine, di forte partecipazione e sincerità”.

«Il grande riscontro in termini di partecipazione e presenze al Cici film festival conferma ancora una volta che si tratta di un importante momento di promozione e valorizzazione del territorio che avviene in maniera del tutto inedita – affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore alla Cultura Maria Tesè-. Il festival riesce a creare connessioni con il mondo del cinema a livello mondiale ed è importante per la promozione del nostro territorio ma anche per il risvolto sociale che riesce ad avere affrontando tematiche di attualità o lanciando chiari messaggi tramite i corti, in aggiunta alla valorizzazione del patrimonio umano del nostro territorio creando momenti di riscatto sociale per alcune persone che  talvolta vivono ai margini della società.  Il Cici è un festival cinematografico unico nel suo genere poiché in 5 giorni i cittadini diventano attori protagonisti così come l’immagine della nostra città che viene poi mostrata e diffusa in varie parti del mondo a seconda della provenienza o della diffusione ad eventi internazionali da parte dei cineasti che realizzano opere inedite una più bella dell’altra – concludono il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore alla Cultura Maria Tesè– a prescindere da vincitori e premi».

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteStefano, infermiere sulla Mare Jonio, la “nave dei bambini”: “A bordo storie di violenze e torture scritte sulla pelle”
Articolo successivoReato di evasione, un arresto