La banda della ruspa

4785

Stanotte hanno sfondato l’ingresso del Credito Siciliano di Xitta portandosi via l’intero bancomat. VIDEO

Incuranti del fatto che la banca presa di mira si trovi al piano terra di una palazzina attorno alla quale ci sono altri edifici tutti abitati, la scorsa notte un gruppo di malviventi, almeno quattro a volto coperto non armati, con una ruspa hanno sfondato l’ingresso della sede dell’agenzia del Credito Siciliano nella frazione di Xitta, alle porte di Trapani. Ingente il bottino, pare superiore ai 100 mila euro. L’intero bancomat è stato così preso utilizzando sempre lo stesso mezzo meccanico, e caricato su un furgone Fiat, con il qual i ladri sono poi scappati. Sul luogo del “colpo” hanno abbandonato un mezzo pesante con il quale era stata trasportato l’escavatore anche questo lasciato davanti alla banca “sventrata”. Il furgone Fiat Daily è stato poi ritrovato abbandonato nelle campagne poco distanti dalla frazione di Xitta. Del “colpo” si stanno occupando gli agenti della Squadra Mobile di Trapani. Incerto è ancora il bottino, ma si pensa sia stato ingente, perchè un bancomat può contenere fino a 150 mila euro, e sicuramente i ladri hanno scelto la notte di venerdì per agire, puntando sul fatto che trovandoci nel fine settimana la provvista di denaro dentro al bancomat sarebbe stata sicuramente ingente. Non è la prima volta che viene usata questa tecnica. Lo scorso mese a Marsala con le stesse modalità è stato rubato l’intero bancomat di un’altra banca. A questo punto gli investigatori sono convinti che ci si trovi dinanzi agli stessi autori, il clan viene già indicato come la “banda della ruspa”. Ovviamente sono risultati rubati tutti i mezzi usati dai ladri che hanno potuto agire indisturbati nonostante il gran fracasso causato.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMigranti: appello vescovo Trapani
Articolo successivoFavignana, Festa del borgo marinaro di Punta Longa
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.