Grande finale per “L’Arabafenice”: la stagione 2019 si conclude oggi con lo spettacolo teatrale “L’Ammazzatore”

500

ALCAMO. La stagione 2019 de “L’Arabafenice” si conclude nello stesso posto in cui ha inaugurato: l’area picnic della riserva di Monte Bonifato verrà infatti allestita per portare in scena lo spettacolo teatrale “L’Ammazzatore” di e con Rosario Palazzolo e con la regia di Giuseppe Cutino.

Lo spettacolo nasce dall’incontro tra il drammaturgo Palazzolo e il regista Giuseppe Cutino, due poetiche differenti, due modalità artistiche agli antipodi, due mondi dispari che ne  “L’Ammazzatore” divengono pari, sinergici, dialoganti.

L’Ammazzatore è un uomo minuscolo capace di pensieri minuscoli, un uomo che si fa emblema dell’umanità con un inno alla vita, con un moto costante di chi non smette mai di andare avanti, persino davanti al baratro. Ci sono uomini costretti a vivere una vita che non gli appartiene, per scelte che non hanno fatto, per idee che non condividono. Ernesto Scossa, il protagonista de “L’Ammazzatore”, è uno di questi. Nato in una Palermo che non concede vie d’uscita, si trova a dover uccidere per mestiere, fino a quando la consapevolezza di una scelta non gli concederà un vago spiraglio di luce. E farà ciò che c’è da fare, costi quel che costi.

Lo spettacolo inizierà alle ore 19:30, tra le luci del tramonto e immersi nei suoni e dei colori della Riserva Naturale Orientata Bosco d’Alcamo.

La sostituzione dello spettacolo con quello previsto in programma “Soda Caustica, o dal punto di vista” scritto da Sabrina Petyx e interpretato da Stefania Blandeburgo, si è resa necessaria a causa dell’indisponibilità dell’attrice.

La partecipazione all’evento è gratuita e per ulteriori informazioni o prenotazioni si può telefonare al numero 328.9890361 o scrivere a info@boscoalcamo.it.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCiao Giovanna!
Articolo successivoUn prestigioso premio
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.