“Funerale al Futuro” organizzato dal Friday For Future e Extinction Rebellion

824

Domenica sera 28 luglio, a Castellammare del Golfo, si svolgerà un corteo funebre, promosso dalle ragazze e dai ragazzi delle associazioni Fridays For Future e Extinction Rebellion, per commemorare il nostro futuro.

La processione, con inizio ore 22, si snoderà da Piazza Petrolo alla Marina, attraversando il Centro cittadino.

«Questa domenica sera – dichiarano gli organizzatori – piangeremo le vite che abbiamo perso, stiamo perdendo e continuiamo a perdere. Lo faremo come siamo soliti commemorare i nostri cari e lo faremo per una ricorrenza particolare: l’Overshoot Day, ossia il giorno in cui abbiamo consumato tutte le risorse che la terra è in grado di riprodurre in un anno. Ogni anno questo giorno arriva sempre prima; stiamo vivendo sfruttando le risorse come se avessimo 1,7 pianeti quando invece la Terra è una sola».

«Lo faremo – prosegue il comunicato dei giovani di Fridays For Future e Extinction Rebellion – perché amiamo questo mondo, ci spezza il cuore vederlo devastato, guardare così tante persone e animali in tutto il mondo morire, sapere che questo accadrà presto ai nostri figli se non cambia nulla».

«Lo faremo – ammoniscono – perché siamo consapevoli di essere nel pieno della sesta estinzione di massa e di aver distrutto il 60% della vita sulla terra dal 1970 ad oggi». 

Gli scienziati da tempo annunciano quale sarà il destino del nostro futuro se non avverranno cambiamenti rapidi e radicali. «E’ necessaria un’inversione di tendenza globale e noi saremo lì per esigerla», dichiarano i manifestanti.

«Altrimenti chi racconterà alle future generazioni cosa sono le api? Che rumore fanno? Come apparivano i fiori in primavera? O com’era sentire il colore verde sotto i nostri piedi? Con che coraggio guarderemo negli occhi i nostri figli e nipoti? Il collasso climatico ed ecologico riguarda tutte e tutti. Per questo, tutti siamo chiamati a partecipare, insieme», conclude il comunicato di Fridays For Future e Extinction Rebellion.

“La situazione insomma è grave e, purtroppo, non tutti hanno la consapevolezza di quanto lo sia. Le autorità scientifiche, però, assicurano che c’è ancora tempo, seppur pochissimo, per cambiare: c’è ancora speranza. Dobbiamo agire ora, prima che sia troppo tardi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDopo alcuni mesi di chiusura riapre al pubblico la Torre di Ligny.
Articolo successivoPresunto autore di incendi ad Erice