Buche e perdite d’acqua restano un problema

7383

Tanti gli interventi in atto per le vie della città, ma in alcune vie del centro storico i cittadini ci segnalano perdite d’acqua, buche e topi

ALCAMO. La problematica acqua sembra non destare grandi problemi, ma le perdite, nonostante l’accordo quadro che prevede l’intervento di una ditta per risanare le perdite (un accordo del valore di 400 mila euro in tre anni), continuano a verificarsi e alcune “storiche” continuano a bagnare l’asfalto cittadino. Siamo andati a verificare le segnalazioni e abbiamo riscontrato quanto segnalatoci, in particolare le lamentele provenivano da abitanti di Via Ellera (caso buca e perdita in contemporanea e forse l’una causa dell’altra o viceversa), via Alfieri, Via Madonna delle Catene e via Mazzini, in quest’ultimo caso la perdita d’acqua è tra quelle storiche. Le immagini parlano chiaro e le persone che ci hanno fermato durante i sopralluoghi ci hanno confidato stanchezza per questa situazione, anche perché quest’acqua che si perde è sempre a carico delle tasche dei cittadini e le buche possono essere caso di disagi per i residenti, per gli automobilisti, centauri a due ruote e anche per chi transita a piedi. Un caso in particolare si è messo in evidenza, quello di via Alfieri, dove ci hanno segnalato anche topi che uscivano dalla buca lì presente.

Infine una richiesta accomunava questi cittadini: “fate presto” e la destinataria non può che essere l’amministrazione comunale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDocumento unitario dell’opposizione: “Il problema della raccolta rifiuti nasce da un vostro errore politico”
Articolo successivoVicenda pozzi privati ad Alcamo, in Cassazione cadono le accuse per l’ing. Pirrello
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.