Gli scout in redazione alqamah. “I Pensieri dei giovani e degli anziani sullo scoutismo”.

1103

La squadriglia Pantere del Reparto Vega Alcamo 1 in visita presso la sede di alqamah.it

“Ciao a tutti noi siamo la squadriglia Pantere del Reparto Vega Alcamo 1 e oggi siamo qui per scrivere un vero e proprio articolo. Scriviamo questo articolo per la nostra specialità di squadriglia, ovvero, GIORNALISMO. Per realizzarlo abbiamo bisogno di sapere cosa pensa la gente di oggi e di ieri dello scoutismo”.

Prima di iniziare l’articolo le ragazze hanno raccontato alcuni aspetti dell’incontro in redazione con alcuni giornalisti della testata on line:

“L’1 e il 2 Giugno ci siamo recate presso la sede di alqamah.it per svolgere la nostra missione, ovvero, questo articolo. Quando siamo arrivate ci hanno dato il benvenuto e abbiamo iniziato a parlare con Fulvio e alcuni suoi colleghi. Poi ci hanno aiutato a trovare l’argomento dell’articolo e abbiamo iniziato a scrivere su un foglio delle idee, fino a quando abbiamo deciso l’argomento dell’articolo. Quando poi ci hanno lasciate sole in redazione abbiamo deciso di cominciare a scrivere”.

Una tappa fondamentale è stata la scelta di realizzare un’intervista a giovani e meno giovani

DOMANDE:

– Ha mai sentito parlare degli scout?

– Secondo lei è utile essere scout in questa generazione? Perché?

RISPOSTE DEI GIOVANI:

– Si, certo.

– Si, perché è un modo per aiutare i bambini a crescere.

– Si, ma non sono molto informato.

RISPOSTE DEGLI ANZIANI:

– Si.

– Ovvio, perché i ragazzi imparano molte cose e soprattutto migliorano il mondo.

– Si e in passato lo sono anche stato.

– Certamente, perché i bambini vivono avventure fantastiche che gli rimarranno impresse per sempre.

Infine le ragazze hanno voluto ringraziare chi li ha ospitati:

“Ringraziamo tutti i componenti di alqamah.it per averci ospitato nella loro sede, ma soprattutto per averci dato l’opportunità di scrivere un articolo tutto nostro”.

Dal canto nostro, redazione di alqamah, non possiamo che ringraziare i ragazzi, un’esperienza costruttiva e piena di umanità.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Le due badanti aguzzine”
Articolo successivoNorfo (UDC) sui precari: “Una legge regionale ha riconosciuto il requisito utile all’assunzione diretta a tempo indeterminato”