Acqua: ultimato l’adeguamento della rete elettrica nel pozzo di Inici

973

«Sono stati ultimati da qualche giorno i lavori al pozzo di Inici che hanno riguardato un adeguamento della rete elettrica da parte dell’Enel. Purtroppo i lavori si sono protratti più del previsto per vari problemi tecnici e hanno comportato la sospensione dell’acqua nei diversi quartieri serviti dal pozzo. Ripreso il funzionamento, i serbatoi sono in fase di riempimento e la distribuzione idrica al momento viene necessariamente effettuata a quartieri e tornerà ad essere regolare nei prossimi giorni poiché i tecnici stanno effettuando tutte le manovre in rete necessarie per limitare i disagi. Dal canto nostro abbiamo messo in atto ogni azione possibile per contenerli».

Lo fa presente il sindaco Nicola Rizzo comunicando che sono stati ultimati i lavori di adeguamento della rete elettrica nel pozzo principale di Inici che porta in città il maggior quantitativo di acqua pari a 38 litri al secondo.

«Siamo intervenuti quanto più celermente possibile al fine di garantire l’erogazione idrica ad ogni problema presentatosi ma facciamo presente che i disagi delle ultime settimane sono stati causati da più motivazioni -spiega il sindaco Nicola Rizzo-: guasti improvvisi alla pompe, furti di cavi, problemi elettrici, vecchissima rete idrica interna in aggiunta al personale Eas che non presta servizio nei giorni festivi e per questo abbiamo chiesto l’ autorizzazione ad utilizzare il nostro personale per evitare ulteriori disagi. Intanto a breve saranno risolti anche i problemi del guasto alla seconda pompa nel pozzo di Fraginesi. Il pozzo a breve sarà completamente efficiente così da non lavorare più in regime ridotto. Già ad aprile, in considerazione dell’incremento di popolazione del periodo estivo che arriva a punte di circa 60 mila abitanti determinando annualmente l’insufficienza della dotazione idrica, ho chiesto un incremento della fornitura idrica di 30 litri al secondo ad Eas tramite Siciliacque».

Il sindaco Nicola Rizzo prosegue affermando:

«Continuiamo a lavorare perché l’atavico problema possa finalmente essere risolto e,  in qualità di presidente dell’Ati idrico, ho più volte fatto presente alla Regione che occorrono interventi strutturali per i quali i 16 Comuni del trapanese facenti parte dell’Ati devono essere sostenuti. Non è immaginabile un passaggio delle reti ai Comuni senza alcun piano di accompagnamento. Per questo abbiamo detto no ricorrendo al Tar che ha sospeso l’efficacia del decreto regionale. Continuiamo a lavorare perché il passaggio delle reti ai Comuni avvenga in maniera con un affiancamento di natura tecnica ed anche economica da parte del governo regionale che recentemente ha deliberato per la liquidazione coatta dell’Eas, fatto che pregiudica ulteriormente i già risicati servizi e corretta -conclude il sindaco Nicola Rizzo- attendiamo riscontro per la convocazione, che abbiamo sollecitato, del tavolo tecnico costituito».

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSalemi, donati due defibrillatori alla città
Articolo successivo“Le due badanti aguzzine”