Primo “Premio letterario Cielo d’Alcamo-Rosa fresca aulentissima”

771

Il Premio, articolato in due sezioni, è stato assegnato all’attore e regista Luigi Lo Cascio con il libro “Ogni ricordo un fiore” (Feltrinelli) per la Narrativa e al poeta Fabio Pusterla con la silloge “ Cenere, o terra “ (Marcos y marcos) per la Poesia, e intende segnalare il miglior incipit della produzione letteraria dell’anno precedente (2018), secondo il giudizio di una giuria formata dal giornalista e scrittore Davide Camarrone, dal critico letterario e docente universitario, Salvatore Ferlita e dallo scrittore e bibliotecario, Fabio Stassi.

Il Premio celebra il primo verso del Contrasto di Cielo d’Alcamo, “Rosa fresca aulentissima” con cui, secondo molti italianisti, si apre la letteratura italiana.

Luigi Lo Cascio e Fabio Pusterla inaugurano l’Albo d’oro  di un Premio che, nel panorama letterario nazionale segnala  l’incipit che racchiuda in sé l’essenza di un romanzo o di una poesia.

Alla serata finale, condotta dalla giornalista Eleonora Lombardo, interverranno i Giurati e il vincitore Luigi Lo Cascio. Seguirà un concerto dell’armonicista Giuseppe Milici.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteImpianti antincendio scuole e estintori parcheggio sotterraneo p.zza Bagolino. Una nota al Comando Vigili del Fuoco.
Articolo successivo“Hercules” in una versione rivisitata