Seminario “Psicologo professionista della salute. Evidenze scientifiche e buone prassi in psicologia”

870
Sul finire del 2017 il governo italiano converte in legge il cosiddetto Decreto Lorenzin e pone la Psicologia come professione sanitaria. Una conquista recente che non ha ancora portato tutte le sue conseguenze nella realtà lavorativa e sociale. Su questo tema e sulle ricadute professionali e cliniche per gli addetti ai lavori si interrogheranno lunedì prossimo coloro che prenderanno parte al convegno che si terrà ad Alcamo.
Si terrà infatti il prossimo lunedì, 10 giugno, il seminario dal titolo “Psicologo professionista della salute. Evidenze scientifiche e buone prassi in psicologia” un incontro di cui l’Associazione Apre, partner organizzativo, è particolarmente orgogliosa in quanto rappresenta un momento di riflessione e un’ ulteriore occasione di incontro tra iscritti e non solo. L’ incontro è stato voluto dall’Ordine degli Psicologi proprio in collaborazione con l’Associazione Apre (Associazione Psicologi in Rete che nasce ad Alcamo circa un anno fa) e si terrà nel territorio in cui questa ha sede proprio per arrivare agli iscritti di questa zona della Sicilia. Ad introdurre i lavori i saluti del padrone di casa, il presidente della Banca Don Rizzo Sergio Amenta,  che gentilmente ha concesso l’utilizzo della sala. All’incontro prenderanno parte le istituzioni locali  (il Sindaco Surdi e l’Assessore Alessandra)e alcuni rappresentanti dell’Associazione (la Dott.ssa Barbara e il Dott. Filippi) che lasceranno poi la parola al presidente dell’Ordine Siciliano e nazionale Giardina e al Dott. Lazzari (esperto in Psicosomatica e Psicologia della Salute e presidente dell’Ordine Psicologi dell’Umbria), che interverranno proprio sulla tematica che dà il nome al seminario. Si tratta di un seminario gratuito che richiede iscrizione mediante la propria pagina riservata sul sito dell’Oprs (il numero di posti è limitato). L’incontro rilascerà anche degli ECM ai suoi iscritti
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRacconti migranti/11. La storia di Mark: “Sono scappato dalla Nigeria per motivi religiosi, perseguitato perché sono cristiano”
Articolo successivoCastellammare, al Castello: “Storie di donna” con Simona Mafai e Augusto Cavadi