Chiusa da oltre un mese la succursale delle Poste Italiane di Castellammare e monta la protesta. L’azienda rassicura

2216

Lunghe code e parecchi disagi per l’unico bancomat delle Poste Italiane rimasto in città. Monta la protesta per la chiusura della succursale di Via Francesco Crispi. Intanto l’azienda rassicura

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. “Dal 18/5/2019 al 31/5/2019 questo ufficio resterà chiuso per motivi infrastrutturali. Ci scusiamo per eventuali disagi”, questo è l’avviso sulla porta d’ingresso della succursale dell’Ufficio delle Poste Italiane di via Francesco Crispi di Castellammare del Golfo. Motivi infrastrutturali, dicono, ma monta la protesta e la preoccupazione. Infatti la riapertura, prevista per venerdì 31 maggio, non è avvenuta. Chiuso l’ufficio e fuori servizio anche il bancomat. Un disservizio che sta creando notevoli disagi ai molti cittadini che usufruivano dei servizi dell’Ufficio postale di via Francesco Crispi, soprattutto per chi utilizzava il bancomat. Oggi, infatti, gli utenti sono costretti a rivolgersi agli uffici centrali di Via Giuseppe Verdi, oppure agli sportelli della città di Alcamo. Perché  a Castellammare, oltre alla sede centrale di via Verdi, non ci sono altri sportelli nelle vicinanze, infatti sono ormai chiusi da anni gli sportelli delle frazioni di Balata di Baida e Scopello. Quindi un solo sportello bancomat per una città di 16 mila abitanti e, in prossimità della stagione estiva, preoccupa maggiormente per l’afflusso turistico. Nei giorni scorsi, nei giorni di ritiro delle pensioni, sono intervenuti i carabinieri per calmare gli animi dei cittadini esasperati per le lunghe code agli sportelli e all’unico bancomat posto all’ingresso. Intanto, da ieri, è stato predisposto un servizio di vigilanza all’ingresso dell’ufficio postale di via Verdi.

Dagli uffici centrali di Castellammare, però, bocche cucite, nessuna dichiarazione, non “possiamo dire altro se non quello riportato nell’avviso. Rivolgetevi all’Ufficio centrale di Trapani” – afferma la direttrice ad Alqamah.it. Dall’ufficio provinciale il telefono squilla a vuoto da giorni. A darci qualche risposta l’ufficio stampa regionale. “L’azienda sta valutando una soluzione alternativa e definitiva per garantire il servizio pieno alla città di Castellammare del Golfo. Per noi rappresenta un punto strategico a cui prestiamo massima attenzione. – spiega l’azienda contattata da Alqamah.it – Abbiamo implementato il servizio nella sede centrale con uno sportello aggiuntivo, ma stiamo facendo tutto il possibile per evitare ulteriori disagi. Attualmente stiamo ancora valutando diverse soluzioni alternative”. L’azienda, quindi, già in questi giorni sta valutando soluzioni per poter ripristinare il servizio soprattutto in prossimità della stagione estiva.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Un Posto in prima Fila”. Trasporto ai disabili e alle persone anziane per poter assistere alle processioni
Articolo successivoAlcamo Plastic Free, un’ordinanza rivolta agli esercizi commerciali
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.