Strada di collegamento tra il porto e la SS 187, il Consiglio approva l’Atto di indirizzo di Mistretta

1470

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il consiglio Comunale ha approvato ieri l’Atto di indirizzo presentato dal Consigliere di opposizione Antonino Mistretta sulla strada di collegamento tra il porto di Castellammare e la SS 187. “Constatato che negli ultimi anni si è registrato  un notevole  incremento  delle attività  ricettive, di ristorazione e di quelle diportistiche con il conseguente indotto artigianale e commerciale, visto che tali attività, in maggior parte concentrate  nella zona del porto e nel territorio urbano adiacente, se da un lato, innalzando il numero delle presenze nella nostra città, hanno portato notevoli vantaggi  economici, dall’altro, tuttavia, hanno aggravato una situazione già di per se deficitaria sia per quanto riguarda la viabilità che i posteggi. Al fine di evitare di  far implodere tale situazione – ha spiegato il consigliere  Mistretta – che,  se non tenuta sotto controllo, potrebbe mettere in serio rischio gli sforzi di quanti hanno investito nello sviluppo turistico del nostro  territorio, preso atto che con i soli provvedimenti tampone non si possono risolvere  alla fonte tali problematiche. Una soluzione per decongestionare  significativamente  tale zona  potrebbe essere la  realizzazione di un collegamento viario tra il Porto e la strada della Madonna delle Scale, da sempre auspicata , a volte anche programmata, ma mai presa veramente sul serio. Per questo motivo – conclude il consigliere Mistretta – ho proposto all’Amministrazione Comunale a portare a compimento eventuali studi già eseguiti nel settore dando, in tal senso, mandato agli uffici competenti”.

Il consiglio, quindi, ieri ha approvato l’atto di indirizzo che impegna l’Amministrazione a farsi carico di tale studio al fine di decongestionare  il traffico nella zona del porto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo, “il movimento migliora la vita”. FOTO
Articolo successivoApprovato emendamento su tassa di soggiorno. Associazione Albergatori: “Interrompere la partecipazione al tavolo tecnico con l’Amministrazione comunale