Castellammare, gli studenti in visita al Parlamento Europeo per il progetto “L’Europa che vorrei…”

3914

Per il quarto anno consecutivo gli studenti castellammaresi volano a Bruxelles al Parlamento Europeo per un progetto scolastico

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Anche quest’anno alcuni studenti castellammaresi sono volati a Bruxelles per il progetto-concorso “L’Europa che vorrei…”. Il progetto, giunto alla IV edizione, si è concluso il mese scorso.

Gli alunni delle classi terze degli Istituti Comprensivi Pascoli-Pirandello e Pitrè-Manzoni di Castellammare del Golfo, selezionati attraverso un elaborato di italiano, hanno avuto in premio un viaggio a Bruxelles, in visita Istituzionale presso il Parlamento Europeo. Anche quest’anno il progetto è stato voluto dall’Europarlamentare On. Salvatore Cicu che dall’inizio del suo mandato parlamentare ha portato avanti progetti rivolti alle scuole italiane.

“I ragazzi – raccontano gli insegnanti – hanno partecipato con interesse e entusiasmo, l’esperienza ha permesso loro di ampliare i propri orizzonti e di acquisire una maggiore consapevolezza etico culturale della dimensione europea in tutte le sfaccettature nell’unicità dei suoi obiettivi”.

Referente del progetto la Prof.ssa Monticciolo Rosalba, ad accompagnare gli studenti in Belgio i docenti accompagnatori Gerbino Rosalia, La Franca Livia, Bologna Mariella e il Dirigente Scolastico prof.ssa Grazia Maria Sabella.

Gli alunni vincitori del concorso: Giuseppe Sottile, Antonino Ferrantelli, Cristoforo Candela, Anastasia Di Marco, Marta Labita, Maria Rita Italiano, per l’Istituto Pascoli-Pirandello; Vittoria Piazza, Denise Enea, Giovanni Ancona, Vincenzo Gervasi e Michele Internicola, per l’Istituto Pitrè-Manzoni.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente9 maggio 1978, la mafia uccide Peppino Impastato. Oggi il corteo da Radio Aut a Casa Memoria
Articolo successivoSantangelo (Sen. M5S): “Di una cosa siamo sicuri Birgi deve continuare a volare”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.