Beni confiscati alla mafia e azione amministrativa contro le infiltrazioni (VIDEO)

3222

ALCAMO. Il Comune di Alcamo ha ottenuto un finanziamento di 800 mila euro per il riutilizzo di un bene confiscato alla criminalità organizzata, rientrante nel PON Legalità 2014/2020 per progetti con finalità di inclusione sociale. Il bene in questione, confiscato all’alcamese Vito Nicastri, è un immobile di via Re Federico II, vicino Piazza Bagolino, che diventerà un centro per minori. Ne abbiamo parlato con il Sindaco di Alcamo, Domenico Surdi, estendendo la questione all’azione amministrativa necessaria per arginare le infiltrazioni nella pubblica amministrazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI “postini” del boss
Articolo successivoCaos rifiuti, “il grido di dolore dei sindaci”. La Regione cerca soluzioni.
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.