La polemica sull’abbattimento di alcuni alberi

1672

Ad Alcamo molti si sono chiesti: perché l’abbattimento di alcuni alberi, per esempio quelli di piazza della Repubblica? A dare una risposta è stato l’Assessore Stefano Alessandra, che ha spiegato le ragioni di tali interventi, cioé che sono stati resi necessari per la sicurezza e perché in passato la cura è stata carente. La domanda naturale che segue le ragioni degli interventi è se gli alberi verranno sostituiti, a questa Alessandra ha risposto che saranno sostituiti, in particolare ogni albero abbattuto significherà due nuovi piantati, però di specie differenti così da non creare i problemi riscontrati.

L’Assessore inoltre ha risposto ad un’altra domanda che ha caratterizzato il dibattito, cioè se l’abbattimento è stato certificato da relazioni tecniche, Alessandra sul lato burocratico ha sottolineato che ci sono stati verbali dei Vigili del Fuoco e relazioni tecniche degli uffici comunali. 

Infine affrontando la questione della gestione del verde pubblico, spesso e di più al centro delle polemiche, l’Assessore ha parlato di un progetto di riqualificazione e manutenzione straordinaria del verde pubblico e pertinenza di edifici scolastici.

Tutto questo si spera possa creare un sistema che non porti certi spazi di verde pubblico ad essere non usufruibili e per evitare ciò è necessario un indirizzo politico, che è sembrato vivere di momenti si e momenti no, ma l’Assessore ha affermato che la giunta ha a cuore il verde, perché fonte di benessere per tutti, e che l’indirizzo politico non manca.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Cavallo di ritorno”. In manette 44enne
Articolo successivoSindacati incontrano il nuovo Prefetto di Trapani Ricciardi
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.