Fava: “Urgente calendarizzare Dibattito d’aula con Musumeci”

608

PALERMO. “Chiediamo al presidente Miccichè di calendarizzare urgentemente un dibattito in aula con la presenza del governatore Musumeci. Non pensiamo che il tema sia quello di chiedere in maniera ripetitiva e ossessiva le dimissioni di presidente o assessori ma è indispensabile una discussione parlamentare su quanto sta avvenendo nella giunta di governo e nella sua maggioranza. Un quarto dei deputati dell’Ars e quattro assessori su dodici sono indagati. Solo Musumeci, con il suo pervicace silenzio, può fare finta che questo sia in quadro politico normale. Noi no. E vogliamo discuterne in aula”. È quanto afferma il Presidente della Commissione Regionale Antimafia Claudio Fava.

“Egregio presidente Miccichè. L’operazione artemisia che ha interessato il territorio di Castelvetrano e che vede indagati esponenti di primo piano della passata legislatura nonché di questa attuale non è che l’ultimo caso giudiziario, in ordine di tempo, che investe la politica siciliana. Noi, lo chiariamo da subito, non siamo interessati a processi sommari o a rituali richieste di dimissioni ad ogni iscrizione nel registro degli indagati. Ma alla politica compete obbligatoriamente il ruolo di valutazione, discussione, confronto.

Per questo – afferma l’On. Claudio Fava – le chiediamo di calendarizzare con urgenza un dibattito in questa aula alla presenza del presidente della regione su quanto sta accadendo e sulle sue conseguenze politiche sulla maggioranza di governo. Il messaggio virtuale del presidente Musumeci, che nulla dichiara, sulla presunta “normalità“ del quadro politico regionale, con un quarto dell’assemblea regionale sotto indagine in poco più di un anno di legislatura e un terzo della giunta regionale raggiunta da avvisi di garanzia, non è giustificato. Per questo pensiamo, signor Presidente, che sia indispensabile e urgente un dibattito parlamentare”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteQuando Lo Sciuto “si vantava” dell’amicizia con il latitante: “Con Matteo Messina Denaro ci volevamo bene”
Articolo successivoLegalità, seduta aperta del Consiglio Comunale di Favignana