Caso danni al bacino di carenaggio galleggiante. Gregory Bongiorno (Sicindustria TP): “Facciamo un appello alla Regione Siciliana affinché completi i lavori necessari”

707

Ieri sera, il forte vento di Tramontana che ha investito la città di Trapani con raffiche di oltre 45 km/h, ha provocato danni al bacino di carenaggio galleggiante che si è spostato dai pali di ormeggio, di alcune decine di metri.

L’incidente riapre la questione del bacino di carenaggio, recentemente ristrutturato dalla Regione Siciliana e di cui si attende il bando per l’affidamento in gestione.

Gregory Bongiorno, presidente di Sicindustria Trapani, fa eco all’appello lanciato stamani da Capitaneria di Porto ed autorità di sistema portuale della Sicilia occidentale per stimolare la Regione Siciliana a lanciare al più presto un nuovo bando per l’affidamento del bacino galleggiante ai privati che permetta finalmente di porre in sicurezza e preservare questa importante infrastruttura da sempre patrimonio e fonte di sviluppo della città di Trapani. “Facciamo un appello alla Regione Siciliana, in qualità di proprietaria del bacino di carenaggio, affinché – dichiara Gregory Bongiorno – completi i lavori necessari e quindi promuova al più presto un nuovo bando per l’affidamento del bacino di carenaggio galleggiante ai privati e consentire così il rilancio di questa importante infrastruttura portuale della città di trapani”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSi sgancia il bacino di carenaggio per il forte vento. Il segretario generale della Cgil di Trapani Cutrona “l’imperizia e la lentezza della burocrazia continuano a fare danni”
Articolo successivoSpada presidente del Foro