Trapani, cittadinanza onoraria alla memoria all’ex Prefetto Sodano

1021

TRAPANI. L’Amministrazione Comunale di Trapani conferirà la “Cittadinanza Onoraria alla memoria” al dottor Fulvio Sodano, già Prefetto di Trapaniscomparso il 27 febbraio 2014.

La decisione è stata assunta all’unanimità dall’intera Amministrazione cittadina: il Sindaco Giacomo Tranchida, il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Guaiana e tutti i restanti 23 Consiglieri comunali hanno sottoscritto la proposta di conferimento, che ha ottenuto l’immediato parere favorevole della I Commissione consiliare “Affari Generali” e in tempi brevissimi sarà iscritta all’ordine del giorno dei lavori consiliari. “Si tratta del giusto e doveroso riconoscimento a un Uomo che ha fedelmente servito lo Stato, non piegandosi agli interessi della criminalità” dicono il sindaco Tranchida e il Presidente Guaiana.

Il Sindaco Tranchida aveva rappresentato ai familiari del Prefetto Sodano la volontà di intitolare l’ex aula di Palazzo d’Alì – oggi sala di rappresentanza cittadina – a Fulvio Sodano e in tale contesto aveva ricevuto dai familiari dell’ex Prefetto anche il gradito assenso per il riconoscimento della “Cittadinanza Onoraria alla Memoria”, purché espressione della volontà unanime dell’intero Consiglio comunale, così come, in separata sede unitamente al Presidente del Consiglio comunale, il Sindaco aveva proposto nelle scorse settimane ai CapiGrupppo Consiliari .

La motivazione del conferimento della Cittadinanza Onoraria è: “Per l’impegno civile dimostrato nella lotta alla mafia e per l’affermazione della legalità”.

Nella proposta sottoscritta da Sindaco e Consiglieri si legge, tra l’altro:
“Considerato che una delle Personalità che più di altri si è contraddistinta per l’impegno contro la criminalità organizzata e per l’affermazione della legalità è stato il dott. Fulvio Sodano, ex Prefetto di Trapani, scomparso a Palermo in data 27/2/2014 dopo una lunga malattia;
Che il suo operato sul territorio nel periodo in cui ha rivestito la carica di Prefetto ancora oggi rappresenta un fulgido esempio di cristallina attività in favore del vivere civile e della crescita etica e morale delle nuove generazioni; Che grazie al suo operato è stato possibile rendere più veloci le procedure di confisca dei beni nella disponibilità dei clan mafiosi, favorendo la ripresa economica – e anche morale – delle imprese prima assoggettate al malaffare; Preso atto con dolore che in passato non è stato possibile – per incomprensioni e obiettive carenze da parte di talune Amministrazioni – conferire al dott. Sodano il meritatissimo riconoscimento”. 
Infine, il conferimento viene proposto dall’Amministrazione facendosi questa interprete anche “del sentimento popolare” di già in passato largamente e spontaneamente tributato al Prefetto Sodano.

La I^ Commissione consiliare nell’esprimere parere favorevole al conferimento si dichiara “orgogliosa di riconoscere al Prefetto Fulvio Sodano la Cittadinanza Onoraria della Città di Trapani”. Il Regolamento comunale prevede che dopo l’approvazione della deliberazione da parte del Consiglio Comunale, il conferimento materiale avverrà nel corso di una seduta straordinaria del Consiglio Comunale, con la consegna agli eredi del dottor Sodano di una pergamena che “lega simbolicamente il designato alla Città di Trapani”. “Sarà l’occasione per cancellare definitivamente anche vecchie polemiche politiche e ribadire i sentimenti autentici di gratitudine della cittadinanza per l’ex Prefetto” dice il Presidente Giuseppe Guaiana. Il Sindaco Giacomo Tranchida sottolinea l’importanza che la Città tutta, per cominciare dalle sue massime Istituzioni, dia segnali di Cambia-Menti, anche sul fronte culturale, in maniera compatta e coesa ben oltre le logiche di schieramento politico, ergendosi a tutela delle regole democratiche ed a sostegno, valorizzandone la memoria e il sacrificio, di quanti ieri come oggi, Servitori nobili dello Stato, non solo non si sono piegati ma opposti decisamente agli interessi della criminalità cominciando da quelli mafiosi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente8 marzo, formazione dell’IACP sulle pari opportunità
Articolo successivoCastellammare, Piazza Giorgio Almirante: “Attacco di guerriglia odonomastica”. Scritte su ruolo politico nelle leggi razziali