Trapani Calcio ceduto, i dubbi del Sindaco

882

TRAPANI. La Liberty Lines ha comunicato che è stato siglato l’accordo per la cessione dell’intero pacchetto azionario del Trapani calcio alla società FM service srl, rappresentata da Maurizio De Simone. “È stata una decisione che abbiamo preso nell’esclusivo interesse del Trapani calcio e dei suoi tifosi ma che rappresenta un momento difficile dal punto di vista sentimentale perché nel corso degli anni, insieme, abbiamo conquistato traguardi storici per il calcio trapanese”, ha commentato Paola Iracani, presidente del CdA di Liberty Lines e anche presidente del Trapani calcio. “Sono certa che la nuova proprietà potrà assicurare alla squadra altri eccellenti risultati, operando con la stessa competenza e passione che Liberty Lines e il patron Vittorio Morace hanno profuso per 14 anni conquistando l’affetto e la gratitudine di una tifoseria magnifica che vogliamo abbracciare idealmente in questo momento di doloroso distacco”. “Erano già note da mesi le motivazioni che ci hanno indotto a prendere la decisione di vendere e mi auguro che venga apprezzata la sobrietà e la riservatezza con cui abbiamo condotto le trattative, evitando frettolosi annunci e avendo sempre l’obiettivo della migliore soluzione possibile per il Trapani, come Liberty Lines ha già dimostrato la scorsa estate garantendo l’iscrizione al campionato, evitando di far scomparire la società dal panorama calcistico e allestendo una squadra competitiva che speriamo possa tornare presto in serie B”.

Sul caso è intervenuta anche l’Amministrazione comunale di Trapani: “La notizia del passaggio di mano del Trapani Calcio ci lascia alquanto perplessi. Se da un lato si aspettava, data la nota decisione della famiglia Morace di abbandonare la guida della Società, dall’altro non si comprende bene dove si sta arrivando. Fermo restando – sottolineano il Sindaco Giacomo Tranchida e l’Assessore allo Sport Vincenzo Abbruscato – che il Comune di Trapani come ente istituzionale non può esercitare nessuna ingerenza tra rapporti di natura privata ed economica tra le parti, non si può sottacere l’interesse generale rappresentato dalla Società che milita in serie Lega Pro e che attira l’interesse e la passione del mondo sportivo trapanese. Risulta particolarmente inusuale, quasi inquietante, il comunicato stampa della Lega Pro che senza mezzi termini, esprime forte preoccupazioni scaturite dalle verifiche di visure camerali e di bilancio della Società che è stata indicata quale cessionaria delle quote del Trapani Calcio. Abbiamo seguito passo passo le vicende che da tempo hanno occupato le cronache anche non sportive della Società per il passaggio di proprietà ad altri imprenditori, anche con appelli pubblici a manifestare l’interesse di far continuare la gloriosa storia del Trapani Calcio. Abbiamo garantito, mettendoci la faccia, fiducia nella seria conduzione delle autonome trattative. Oggi, – concludono – a fronte anche del citato comunicato, riteniamo indispensabile un ulteriore approfondito confronto con la Società”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Parole, note e… le infiltrazioni mafiose nell’economia legale”, omaggio a Fulvio Sodano. Incontro a Trapani
Articolo successivoASU. CGIL, CISL, UIL invitano la commissione regionale ad accogliere le loro proposte