Alcamo, abbandonano rifiuti in strada: multati. Surdi: “Non può vincere l’inciviltà”

4550

ALCAMO. Ancora una volta gli “occhi elettronici” istallati dalla Polizia Municipale di Alcamo hanno immortalato alcuni cittadini incivili mentre abbandonano rifiuti per le strade periferiche della città. Una brutta abitudine che tra Alcamo e Castellammare del Golfo ha permesso in questi anni la creazione di vere e proprie discariche abusive a cielo aperto. Dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Domenico Surdi arriva però il pugno duro contro i cittadini incivili. Ad annunciare l’ennesimo abbandono indiscriminato di rifiuti è lo stesso Sindaco che su Facebook ha pubblicato alcuni fotogrammi che ritraggono i cittadini mentre abbandonano rifiuti sotto un ponte, invece di smaltirli con i canali tradizionali, come per esempio utilizzando il CCR Comunale. “Grazie alle nostre telecamere, solo pochi giorni fa, sono stati beccati e multati diversi incivili mentre abbandonavano rifiuti. – ha scritto il Primo Cittadino Surdi – Nel 2018 sono state fatte complessivamente circa duecento sanzioni: nessun angolo della città può diventare una discarica, anche se ancora non per tutti è chiaro. Continueremo a controllare e se necessario a multare: non può vincere l’inciviltà”. Ad essere colpite le zone del territorio più periferiche: Contrada Fico, Contrada Sasi, Contrada Molinello, Contrada Vallone Monaco e molte altre, anche a Castellammare, come già ampiamente documentato dal nostro giornale l’anno scorso. Un pugno duro da parte del Comune di Alcamo che nonostante tutto non riesce a frenare del tutto questo fenomeno di pura inciviltà.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCalatafimi, Salvatore Gucciardo si candida a Sindaco
Articolo successivoMassimo Ferrara: “Con Zingaretti il Partito Democratico dall’Io al Noi e discontinuità rispetto al recente passato” (VIDEO)
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.