Calatafimi Segesta: Il Professore Antonino Accardo si candida a Sindaco

1150

CALATAFIMI. Si è presentato ufficialmente alla città il candidato Sindaco Professore Antonino Accardo. A parlare prima del Professore Accardo l’onorevole Eleonora Lo Curto e l’onorevole Mimmo Turano.  Entrambe hanno toccato diversi punti focalizzando l’attenzione sul quanto sia importante fare squadra e sul quanto sia bella ed ancora tanto da valorizzare Calatafimi seppur negli ultimi 12 anni sono stati fatti grandi passi in avanti per la città con importanti finanziamenti arrivati e tanti da anni bloccati ma finalmente in arrivo. Lo Curto e Turano hanno affermato inoltre che le porte delle Regione sono sempre aperte per chi crede in un progetto di sviluppo collettivo e nel fare squadra. Accardo quindi incassa il sostegno dell’Udc.

Il Professore Accardo ha dichiarato: “Da qualche giorno abbiamo messo mano al programma elettorale per portare avanti un programma efficiente, chiaro ma soprattutto realistico e realizzabile. Oggi non è più tempo di grandi proclami, ma di avviare dei progetti realizzabile partendo dalla conoscenza delle vere problematiche e potenzialità del territorio, tenuto conto delle tante risorse a disposizione. Questo significa concretezza e pragmatismo al posto di slogan elettorali che si dimostrano sempre irrealizzabili. Sarà possibile grazie alla forza di chi come noi ci crede ancora, grazie all’esperienza e grazie alla volontà dei numerosi giovani e meno giovani intorno a me disposti a rimboccarsi le maniche per dimostrare coi fatti quello che si può e si deve fare”.

Il Candidato Sindaco Accado si è soffermato, tra le altre cose, sui finanziamenti europei: “In una situazione politico economica Regionale e Nazionale che vede da anni sempre meno risorse stanziate per i Comuni, un canale importantissimo, e fino ad ora non utilizzato al massimo per creare sviluppo e lavoro, è rappresentato dai finanziamenti europei. Da una Europa che è stata sempre brava a prendere è giusto anche ricevere, utilizzando tutti gli strumenti a disposizione per poter attingere dai quei fondi che spesso inspiegabilmente tornano indietro perché non spesi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErice, richiesto finanziamento per l’efficientamento energetico di 15 alloggi popolari
Articolo successivoFnsi, due importanti riconferme