Pedemontana di Alcamo, tutti assolti in primo grado

1269

Questione Pedemontana di Alcamo, si parla delle presunte lottizzazioni abusive, caso scoppiato nel 2014, quando i pubblici ministeri Rosanna Penna e Franco Belvisi si espressero contro la possibilità che quelle lottizzazioni potevano essere realizzate. L’elemento che portò alla ribalta la questione fu il triste evento di un operaio che ne 2012 perse la vita lavorando in uno dei cantieri aperti, ma per questo fu aperto un altro processo.

Ieri il giudice del Tribunale di Trapani Franco Messina ha assolto tutti i sei imputati: il Dirigente dell’Urbanistica Impellizzeri e il suo vice Gaspare Fundarò, l’architetto Gabriella Longo, il proprietario del terreno Mario Galbo, l’imprenditore Giuseppe Messana e l’ex assessore, consigliere comunale e candidato Sindaco della città Alessandro Calvaruso. Assolti perché “il fatto non sussiste”. Il Comune di Alcamo si era schierato parte civile.

La Procura di Trapani sembra intenzionata a presentare Appello.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGenitorialità nelle sue sfaccettature e con le sfide ordinarie e straordinarie. Un ciclo di incontri ad Alcamo
Articolo successivo“Diventerà Bellissima” a congresso