Identificata la vittima del rogo

2092

Il Dna conferma che si tratta di Francesco Ciaravolo

È Francesco Ciaravolo, 48 anni, piccolo imprenditore agricolo, l’uomo trovato carbonizzato lo scorso 5 gennaio a Piano Rizzi, nelle campagne di Salemi, all’interno della sua auto, una Mercedes classe C. A stabilirlo, attraverso l’esame del Dna, è stato il Ris dei carabinieri di Messina, incaricato dell’accertamento dalla Procura di Marsala, che adesso propende per l’ipotesi del suicidio. Francesco Ciaravolo il 28 dicembre scorso non si era presentato nella chiesa di Castelvetrano dove avrebbe dovuto sposarsi. L’indagine dei carabinieri è coordinata dal procuratore di Marsala Vincenzo Pantaleo e dal sostituto Antonella Trainito.

*fonte gds.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErice, al via indagine amministrativa
Articolo successivoRiparte il campionato di Serie A2 di pallamano