Castellammare, inizia la pulizia della parte di villa abbandonata: “Lavori affidati a cittadini con disagio economico”

1108

Promessa mantenuta dall’Assessore Enza Ligotti: “Occorre maggiore manutenzione per la pulizia e cura dei vialetti della parte bassa e la potatura degli alberi”

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. A pochi giorni di distanza dal nostro articolo con cui si denunciava lo stato di parziale abbandono della villa comunale Regina Margherita di Corso Bernardo Mattarella, sono state avviate le operazioni di pulizia degli spazi verdi. Come promesso dall’Assessore Enza Ligotti al nostro giornale, in poco tempo sono già stati ripuliti vialetti e curate alcune aiuole della parte inferiore della villa. La denuncia era partita durante le festività natalizie dal movimento politico Cambiamenti. Il maltempo degli ultimi giorni aveva fatto slittare gli interventi da parte del Comune.

La pulizia è stata affidata a cittadini con disagio economico che da ieri mattina sono al lavoro per la pulizia straordinaria e approfondita della parte bassa della villa comunale Regina Margherita e dei bordi strada di alcune vie cittadine. Gli interventi proseguiranno anche nei prossimi giorni. “Si tratta dello stesso meccanismo utilizzato per progetti di utilità e reinserimento sociale come “spiagge pulite” per mezzo dei quali cittadini con disagio economico collaborano civicamente svolgendo attività lavorative e percependo un compenso – spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore ai Servizi Sociali Enza Ligotti -. I lavoratori che vengono impiegati per un massimo di 90 ore mensili, collaborano anche per la pulizia e manutenzione di aree da ripulire e zone verdi come la villa comunale regina Margherita che comunque è giornalmente mantenuta in ordine da altri cittadini assunti dalla graduatoria legata a prestazioni di servizio civico, ma occorre maggiore manutenzione per la pulizia e cura dei vialetti della parte bassa e la potatura degli alberi. Di recente, a causa del maltempo, non è stato possibile effettuare una pulizia accurata -spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore ai Servizi Sociali Enza Ligotti – e la villa Margherita, così come villa Olivia, sono state chiuse per la messa in sicurezza dei rami degli alberi spezzatisi a causa del forte vento. Con la supervisione di personale competente, come il nostro esperto forestale Antonio Senia, adesso sono stati anche eliminati alcuni rami poiché questo non è il periodo idoneo per intervenire e i lavori saranno ripetuti in nei tempi che gli esperti ritengono utili per mantenere la fioritura delle piante”.

La finalità del servizio è quella di “promuovere il reinserimento sociale”, per un massimo di 90 ore mensili, per cittadini con disagio economico occupati per la custodia, pulizia e vigilanza di strutture pubbliche, cura del patrimonio comunale, aree verdi ed ogni altra attività ritenuta utile alla collettività. “Attività sociali di reinserimento molto utili per la continua domanda di sostegno a nuclei familiari e singoli cittadini che si trovano in una situazione di disagio economico ed inseriti nella graduatoria sulla base di precisi parametri come l’Isee – concludono Rizzo e Ligotti -. Oltre alla pulizia della villa Margherita i lavoratori delle “90 ore” provvederanno a ripulire dalle erbacce le cunette di alcune arterie stradali e ripetere gli interventi in caso di necessità”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Libertas a Capo d’Orlando con Vukoja, ma senza Genovese
Articolo successivoAl via la stagione artistica invernale al teatro Apollo Anton Rocco Guadagno: il cartellone
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.