Salemi, l’ucciso forse lo sposino che non è andato all’altare

10686

Si incrociano due notizie di cronaca di queste ore, quella di un matrimonio che non si è potuto celebrare a Castelvetrano, e quella di un corpo carbonizzato trovato a Salemi

Cominciano a delinearsi i contorni della macabra scoperta fatta oggi nelle campagne di Salemi, in contrada Piano dei Rizzi, in una zona prossima alla strada che collega Salemi a Gibellina. Il proprietario della Mercedes classe C trovata completamente carbonizzata, così come completamente bruciati erano i resti del corpo di un uomo trovato al posto di guida, è tale F.C., la stessa persona che lo scorso 29 dicembre non si è presentato all’altare di una chiesa di Castelvetrano dove erano state fissate le sue nozze con una infermiera castelvetranese, rimasta inutilmente ad attenderlo. Vicenda che è stata raccontata proprio nelle ore del ritrovamento del cadavere su diversi siti on line di informazione e sulla edizione odierna del Giornale di Sicilia. Una storia, quella del mancato matrimonio, che quindi appare destinata ad assumere altri contorni. Purtroppo per le condizioni cui si è presentato il cadavere non è stato possibile per gli investigatori dell’Arma arrivare a fare un possibile riconoscimento, bisognerà attendere altri esami, e i resti del corpo carbonizzato si trovano già all’istituto di medicina legale di Palermo. Anche per stabilire la data della morte. Manca ad ora dunque la certezza che il morto sia il proprietario dell’auto. C’è però il forte sospetto che si possa trattare di lui. Dell’uomo comunque si sono perse le tracce già dalla data delle nozze , dallo scorso 29 dicembre. Pochi aiuti ha potuto dare ai carabinieri l’anziana madre con la quale l’uomo viveva a Salemi. Addirittura non risulta essere stata presentata denuncia di scomparsa. Di una cosa i carabinieri sono certi ed è quella che si tratta di un omicidio. E quindi si sta indagando nell’ambito delle sue frequentazioni. L’uomo secondo quanto raccolto è un nulla facente, con piccoli precedenti per truffa, viveva di espedienti, passando la giornata in giro per la città e per i bar di Salemi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSavalle: dissequestrato lo studio
Articolo successivoPizzolungo, per la strage nuovo processo
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.