L’IACP di Trapani prosegue nell’attività di stabilizzazione del proprio personale precario

914

TRAPANI. È  infatti di oggi la firma da parte del Direttore Generale, dott. Pietro Savona, di altri due contratti di assunzione a tempo indeterminato. E questo all’esito di una selezione concorsuale riservata al personale di categoria A. Nel corso degli ultimi due anni attraverso sempre selezioni concorsuali riservate al personale interno collocato nell’area dei dipendenti a tempo determinato, l’Iacp di Trapani ha in totale proceduto alla stabilizzazione di sei unità, riducendo il numero del personale precario inizialmente composto da 24 unità, oggi ridotto quindi a 18 unità.

Le procedure di stabilizzazione hanno seguito le previsioni di legge e sono state guidate dalle delibere sul fabbisogno di personale nel tempo adottate dai commissari dell’ente, dopo anche avere acquisito il parere favorevole dell’organo di vigilanza sindacale, circa la sussistenza in bilancio delle relative risorse finanziarie.

“La stabilizzazione del personale precario in servizio presso il nostro Istituto – dice il direttore generale dott. Pietro Savona – è da tempo uno dei principali obiettivi strategici dell’ente. Non abbiamo mai perduto di vista la necessità di rendere giustizia sociale a lavoratori che da anni operano nell’ente e che aspirano ad uscire dal bacino del precariato. Le risorse purtroppo – sottolinea il direttore generale Savona – non ci hanno permesso di procedere in modo più spedito, ma tutto quello che è stato possibile fare è stato fatto e su questa strada proseguiremo. Ulteriori stabilizzazioni sono previste per l’anno in corso. Nel 2019 d’accordo con i sindacati di categoria procederemo anche alla definizione del nuovo contratto decentrato integrativo, facendo seguito al nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto enti locali”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErice, l’Amministrazione dice no ai botti di Capodanno
Articolo successivo“Botti” di Capodanno pericolosi e non conformi. Operazione dei Carabinieri di Mazara del Vallo e NAS di Palermo