Mafia, “Cemento del Golfo”: pm chiedono pesanti condanne

3717

TRAPANI. I Pubblici Ministeri, Dr. Francesco Grassi e Dr. Gianluca De Leo, hanno richiesto questa mattina, al termine della requisitoria, pesanti condanne per gli imputati che hanno scelto il rito ordinario del processo scaturito dall’operazione antimafia “Cemento del Golfo” dello scorso 30 marzo 2016. I pm hanno chiesto 22 anni di carcere per il boss castellammarese Mariano Saracino, 14 anni per ciascuno per Badalucco Vito e Martino, padre e figlio, e 12 anni per l’imprenditore alcamese Vincenzo Artale. Posizione stralciata invece per Martino Magaddino che sarà giudicato separatamente. Per l’altro imputato, Vito Turriciano, è già arrivata la sentenza definitiva di Cassazione che ha confermato la condanna a 12 anni di carcere per associazione mafiosa e tentata estorsione aggravata in concorso.

Gli imputati sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione aggravata e danneggiamento aggravato. Dietro a tutto, secondo l’accusa, ci sarebbe la regia dell’anziano boss castellammarese Mariano Saracino, già noto alle cronache come il “cassiere” della mafia castellammarese.

Tra le parti civili ci sono: l’associazione Castello Libero Onlus di Castellammare del Golfo, l’associazione Antiracket e Antiusura Alcamese, il Comune di Castellammare del Golfo, il Comune di Alcamo, il Centro studi Pio La Torre, Confindustria Trapani, l’Associazione Libero Futuro di Palermo, l’imprenditore Vincenzo Parisi, Tecnordest srl e Siar srl. La sentenza del Tribunale di Trapani, Presidente Dot.ssa Daniela Troja a latere Visco e Marroccoli, è attesa per i primi giorni del 2019.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNatale Mediterraneo, gli eventi della settimana a Trapani
Articolo successivoNatale a Castellammare, al via il programma: concerti, spettacoli, mercatini e capodanno in piazza
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.