Un “Presepe Biblico” tra storia e comunità

1543

Lo vedi e già si capisce che non è il solito Presepe, è quello che abbiamo visitato all’interno della chiesa del “SS Angelo Custode” in pieno centro storico ad Alcamo

Dall’Eden alla Resurrezione di Gesù incastonati perfettamente in una scenografia dalle tinte forti e dal significato religioso che si può “toccare con mano”. Un Presepe che lascia senza parole e da’ spazio al piacere interiore e contemporaneamente porta la mente in quei luoghi e fa rivivere con estrema concretezza le scene raffigurate, come, per esempio, l’eden, con accorgimenti che richiamano la Sicilia, come se l’eden fosse la Sicilia – sottolinea l’artista alcamese Sabrina Laudicina – che si è occupata di creare delle tele che richiamassero le scene bibliche, e – come conferma Giuseppe Rimi, dell’associazione culturale “Cassaru” – l’artista ha creato le sue opere talmente bene che sembrano un unico progetto.

Si può rivivere l’Annunciazione, la Nascita, il Battesimo, l’Ultima Cena, la Resurrezione e tanto altro, come se fosse un viaggio logico e vero lungo quell’affascinate via che è la Storia. Un progetto che ha visto un bel gruppo di persone lavorare per mesi, che però oltre al bel risultato del Presepe, ha permesso momenti di socializzazione e compartecipazione. Il Presepe unisce, verrebbe da dire, un’unione che sa di tradizione e voglia di lasciare una testimonianza che possa diventare bagaglio culturale di giovani e meno giovani.

L’apertura ai visitatori sarà tutti i giorni dalle ore 16,30 alle ore 21,00. L’ingresso è gratuito.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNiente da fare per la TH Alcamo, al Palaverga passa la capolista Mascalucia
Articolo successivoL’Annunziata scenario di un Presepe “animato”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.