A cosa servono gli OGM? Le biotecnologie spiegate dall’esperto agli studenti dell’Istituto Ferro di Alcamo

3100

Le applicazioni delle biotecnologie dall’agricoltura alla biomedicina spiegate dal genetista Giuseppe Saccone ai ragazzi dell’IS G Ferro di Alcamo

ALCAMO. L’appuntamento, di lunedì 3 dicembre, fa parte de La Scienza a Scuola di Zanichelli: scienziati e ricercatori incontrano insegnanti e studenti delle scuole superiori d’Italia per capire come la scienza sta cambiando il mondo.

“Dopo un lungo periodo dalla nascita dell’Homo sapiens, mentre i cacciatori si dedicavano ormai a procacciare fonti di proteine animali, i raccoglitori iniziavano a selezionare, consapevolmente o inconsapevolmente, sementi di piante più utili come nutrimento. Era iniziata una nuova era, che porterà all’agricoltura, quindi alla sedentarietà delle popolazioni umane ed anche alla selezione ed allevamento di animali. Era iniziata la prima fase dell’era biotecnologica con “Homo geneticus”.

Questa fase – spiegano gli organizzatori – oggi è arrivata agli OGM. Cosa sono gli Organismi Geneticamente Modificati? Quali applicazioni e quali controindicazioni?”

Ne parlerà Giuseppe Saccone, genetista dell’Università Federico II di Napoli, ai ragazzi dell’IS G. Ferro di Alcamo (TP). Incontro dal titolo: Biotecnologie: dall’agricoltura ed entomologia alla medicina.

L’incontro fa parte del ciclo nazionale La Scienza a Scuola. Un tour didattico realizzato da Zanichelli, in giro per le scuole d’Italia, in cui ricercatori, docenti, divulgatori e personalità del mondo scientifico incontreranno i ragazzi per illustrare le ultime novità della scienza.

Dalle Onde Gravitazionali alla vita nell’universo. Sono alcuni degli argomenti illustrati negli oltre 60 incontri presso gli istituti scolastici superiori di Sicilia, in collaborazione con la rivista “Le Scienze”. Gli incontri sono riservati agli studenti delle singole scuole.

La biotecnologia moderna nasce con la Genentech, una ditta statunitense degli anni settanta, che si afferma nell’area della biomedicina molecolare e fondata da un professore universitario di biochimica ed un esperto di business ed investitore. Questa nascita avviene grazie alle ricerche di base in genetica, biochimica e biologia molecolare condotte nei due/tre decenni precedenti gli anni settanta. La Genentech, con 15.000 dipendenti è stata acquistata dalla corporation svizzera Hoffmann-La Roche nel 2009 per 50 miliardi di dollari.  Negli anni novanta con la Monsanto inizia la biotecnologia agraria e lo sviluppo di piante transgeniche di grande interesse economico. Oggi è una azienda con 18.000 dipendenti ed un fatturato annuo di 14 miliardi di dollari. La Bayer tedesca sta per acquisire la Monsanto per 66 miliardi di dollari. Negli anni duemila la ditta Oxitec, spin off della Oxford University, sviluppa ed utilizza insetti transgenici per il controllo genetico di specie dannose, tra cui zanzare e mosche della frutta. Viene venduta nel 2015 per 160 milioni di dollari alla statunitense Intrexon corporation.

“Nell’incontro verranno ripercorse queste tappe storiche, con i loro protagonisti, descrivendo i comuni punti fondamentali della genetica e biochimica molecolare che sono alla base delle biotecnologie e vedremo esempi di prodotti di successo nei vari campi e a cosa possono servire, come anche le relative implicazioni economiche. Verrà infine descritta la nuova tecnologia di modifica precisa del DNA (gene editing), CRISPR/Cas9 che apre nuovi scenari e grandi potenzialità per le biotecnologie sia mediche, che agrarie ed entomologiche.

Da più di 150 anni impegnata nella didattica scolastica e nella divulgazione scientifica, la casa editrice Zanichelli, con questa iniziativa, ha voluto dare un importante stimolo agli studenti: l’occasione di acquisire conoscenze su argomenti affascinanti e di stretta attualità, direttamente dagli ‘addetti ai lavori’”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrasportava 11 kg di marijuana, arrestato dai carabinieri
Articolo successivoMusumeci a Trapani. Futuro dell’aeroporto di Trapani e vicenda Ferraro