La Libertas al PalatreSanti contro il Gravina

943

Libertas-Gravina, in programma alle 18 al “PalatreSanti”, rappresenta uno dei tanti big-match fra le squadre che compongono il gruppone di testa e che, in tre giornate, hanno vinto due volte e perduto una volta ciascuna.
Un campionato, quello di serie C che, fin dalle prime battute, si è presentato più equilibrato e interessante di quello scorso. Il confronto sul parquet alcamese metterà di fronte due quintetti che, nel turno precedente, hanno dato vita a due squilli: ampio successo a Messina per la Libertas, vittoria interna sulla Torrenovese (candidata numero uno al primo posto) per il Gravina. Gli etnei, che da un paio di anni si sono indirizzati soltanto sui cestisti locali, stanno dando seguito, già in queste prime tre giornate, all’ottima stagione precedente e sempre grazie all’ottimo lavoro del coach, il riconfermato Marchesano. Due lunghi molto mobili e abbastanza “atipici”, Santonocito e Livera, riescono spesso a fare la differenza e ad andare in “doppia doppia”; Barbera e Spina, fra i “piccoli”, hanno avviato una stagione subito alla grande ritagliandosi un ruolo da protagonisti anche nella vittoria sulla Torrenovese di domenica scorsa; La Mantia e Genovesi completano il gruppo dei gravinesi che hanno punti nelle mani.
Lontano dal suo “fortino”, però, la squadra di coach Marchesano diventa più abbordabile ma rappresenta sempre un banco di prova alquanto ostico. Il Gravina, infatti, da sempre primeggia fra le mura amiche grazie anche al materiale particolare del fondocampo e alle sue dimensioni. Lo scorso anno la Libertas venne battuta di 14 punti alle falde dell’Etna dando vita, probabilmente, al peggiore avvio di gara di tutto il campionato. In quel match arrivarono anche alcuni infortuni, il più grave quello ad Ajola che dovette poi sottoporsi ad intervento chirurgico al ginocchio. Al ritorno, al “PalaTreSanti”, nel periodo in cui gli alcamesi battevano tutti, corazzata Alfa Catania compresa, Gravina venne battuta e anche con gli “interessi” rispetto al risultato numerico dell’andata.
Per la gara di questo pomeriggio sono ancora da valutare le condizioni di Davide Tagliareni e di una sua caviglia che in settimana ha fatto le bizze.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAllerta Meteo per le prossime 36 ore. Il Sindaco di Castellammare del Golfo invita alla prudenza
Articolo successivoArrestati in Francia