Giovedì un Incontro Interreligioso ad Alcamo: “Costruendo la pace: quando la diversità unisce”

1035

ALCAMO. Si terrà giovedì 25 ottobre prossimo un incontro Interreligioso dal titolo “Costruendo la pace: quando la diversità unisce”.

Le comunità religiose cristiana, islamica, ebraica e buddista Soka Gakkai, si riuniranno in un tavolo attraverso il quale si cercherà di informare e portare a conoscenza dei partecipanti degli elementi fondamentali delle diverse religioni, fedi e confessioni, realizzando un programma di informazione di carattere culturale rivolto alle scuole di secondo grado, durante la mattina, e ai cittadini in generale durante l’incontro che si terrà al Centro Congressi Marconi alle ore 16:30.

Non si cercherà di proporre modelli o soluzioni, bensì si tenterà di mettere in evidenza la realtà di pluralismo delle religioni oramai diffuso nel nostro Paese, sia tra i cittadini migranti che tra quelli italiani, sia nella scuola che nella società.

Dopo i saluti di Domenico Surdi, Sindaco di Alcamo, i lavori saranno introdotti da Giuseppe Scibilia e moderati dalla dott. Lidia Milazzo.

I relatori rappresentanti delle diverse religioni metteranno a confronto le varie comunità di appartenenza per un dialogo volto alla convivenza pacifica. Oggi essere informati sulla dottrina e sulla storia delle religioni è fondamentale per un percorso di crescita e conoscenza reciproca volto ad un futuro globale e pluralistico lontano dalle paure dell’altro e del diverso.

Durante l’incontro è previsto un intermezzo musicale a cura degli studenti del Liceo Statale V. F. Allmayer.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteProgrammazione turistica 2019 a Castellammare, l’opposizione interroga il Sindaco
Articolo successivoIntimidazione al capo della squadra mobile di Caltanissetta. La solidarietà del gruppo Pd all’Ars
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.