Catturato Vito Marino (VIDEO)

6977

L’imprenditore di Paceco preso in un ovile di Vita. Deve scontare l’ergastolo per avere ucciso nell’agosto 2006 un’intera famiglia a Brescia

La ricerca condotta da Squadre Mobile di Trapani e Palermo e Servizio centrale operativo (Sco), coordinati dalla Procura antimafia di Palermo, è stata intensa e alla fine si è conclusa con l’arresto del ricercato, Vito Marino, imprenditore di Paceco, figlio del ben noto Girolamo, “Mommo u nanu”, boss mafioso ucciso negli anni ’80. Vito Marino è stato trovato in un ovile nel Comune di Vita. Era ricercato da quando è diventata definitiva la sua condanna all’ergastolo per avere ucciso nell’agosto 2006 a Brescia un intero nucleo familiare. Marito, moglie e figlio, Angelo Cottarelli, Marzenne Topor e il loro figlio Luca di appena 17 anni. Furono sgozzati come fossero degli animali. Un delitto cruento, al culmine di un contrasto tra Vito Marino e Angelo Cottarelli che l’aveva aiutato mettendogli a disposizione fatture false, al fine di potere acquisire finanziamenti europei. Marino stava realizzando una sorta di holding agricola, di prestigio doveva essere la cantina “Vigna Verde” in parte sorta alla periferia di Trapani. Ma per quell’impero agricolo Marino, aiutato da altri soggetti, avrebbe fatto risultare una spesa ben più maggiore. La condanna all’ergastolo risale all’ottobre dell’anno scorso. Implicato nella vicenda è anche Salvatore Marino, cugino dell’arrestato, per il quale la Cassazione ha annullato la condanna all’ergastolo disponendo la celebrazione di un nuovo processo di appello.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl caso “via Turretta” (VIDEO)
Articolo successivoRostagno, eroe civile che lottava dalla parte giusta
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.