Il Presidente dell’Associazione Antiracket Salvatore Di Leonardo incontra il Sindaco di Alcamo Surdi e le forze dell’ordine

1644

ALCAMO. Il Presidente dell’Associazione Antiracket e Antiusura Alcamese Salvatore Di Leonardo, in occasione della nomina del nuovo direttivo, ha incontrato nei giorni scorsi il Sindaco della città di Alcamo Domenico Surdi.

L’incontro è servito per presentare al Sindaco i nuovi componenti del direttivo eletti dall’assemblea dei soci lo scorso giugno. Di Leonardo, accompagnato dal Vice Presidente Giuseppe Campo, ha esposto al Sindaco Surdi le attività e le iniziative che l’associazione porterà avanti nei prossimi mesi. “Un’incontro molto positivo per me e il nuovo direttivo. – afferma il presidente Salvatore Di Leonardo – Dopo l’elezione di giugno ho immediatamente avviato il dialogo con le istituzioni locali e le forze dell’ordine per trovare nuova sinergia per le attività in programma. Sono rimasto molto soddisfatto dall’incontro con il Sindaco Surdi che ci ha manifestato il suo appoggio e quello della sua Amministrazione. Nei giorni scorsi – conclude – ho incontrato inoltre anche il Capitano dei Carabinieri di Alcamo Giulio Pisani, il nuovo Comandante della Guardia di Finanza Ruggiero Lanciano e il Commissario di P.S. Filippo Li Volsi”.

“L’Amministrazione alcamese – afferma il Sindaco Domenico Surdi – è pronta a collaborare con l’Associazione che svolge un ruolo determinante nel divulgare la cultura dell’antimafia, combattendo contro tutti quegli atteggiamenti e conseguenti comportamenti che contribuiscono a creare un clima di illegalità e mancato rispetto delle regole del vivere civile e sociale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare ricorda il capitano Paolo Ficalora, vittima innocente di mafia
Articolo successivo“Ciao Mauro”, incontri a Trapani, Valderice, Trento, Torino e Palermo per ricordare Rostagno
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.