Arrestati due spacciatori Trapanesi

1706

TRAPANI. Sono stati tratti in arresto i due “fratelli della droga” Fabio Fortunato, classe 95 e Daniele Fortunato, classe 96, entrambi trapanesi, dai Carabinieri di Trapani diretti dal Maresciallo Maggiore Andrea Castaldi. L’accusa è quella di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti

I militari dell’Arma, avendo il forte sospetto che all’interno dell’abitazione di residenza dei fratelli vi fosse un grosso quantitativo di droga, vuoi per il continuo andirivieni di giovani da quell’appartamento, vuoi per la conoscenza di uno dei due fratelli in quanto arrestato in precedenza per gli stessi reati decidevano di vederci chiaro. A seguito di una serie di appostamenti, i Carabinieri, hanno notato, nelle ore serali l’affluenza di tanti giovani i quali in pochi minuti salivano e scendevano dall’appartamento.

Inoltre, erano presenti decine di vasi di legno in veranda apparentemente pieni soltanto di terra. Entrando nella palazzina di pertinenza dell’abitazione, i militari hanno trovato anche diverse attrezzature riconducibili alla coltivazione di piante di cannabis indica quali reti ombreggianti e pali in legno.Avendo sufficienti elementi a disposizione per ritenere fondato il dubbio della detenzione di sostanze stupefacenti all’interno dell’appartamento, con l’ausilio dei colleghi dell’Unità Cinofila di Palermo, alle prime ore di ieri si procedeva alla perquisizione dell’abitazione.

Dopo aver suonato al campanello, i militari scrutavano uno dei Fratelli, uscire in veranda e buttare un grosso borsone nero sul  balcone affianco, convinto di non essere visto. Dopo diversi minuti di attesa il Fortunato Fabio, molto infastidito, apriva la porta e da subito si sentiva un forte odore tipico della marijuana.

Nella camera del giovane, vi era un bicchiere di plastica con parte di arbusti recisi, 40 gr. di sostanza stupefacente di tipo hashish, materiale per il confezionamento, un bilancino e EURO 1.350,00 in banconote di vario taglio, verosimilmente provento dell’attività di spaccio. Subito dopo si recuperava il borsone di colore scuro, gettato poco prima dal Fortunato, il quale risultava pieno di inflorescenze e foglie di marijuana all’interno di due grosse buste in plastica per il peso di 1.2 Kg. Alle nostre contestazioni il Fortunato Fabio si agitava ulteriormente impedendo lo svolgimento dell’attività ne scaturiva una breve colluttazione durante la quale il Fortunato cominciava a divincolarsi venendo immobilizzato dai presenti anche con l’intervento del fratello Daniele che tentava di riportarlo alla calma.

Data la palese flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio per entrambi i fratelli, considerato che le quantità di stupefacente detenute palesano che lo stupefacente non possa essere per uso personale e che comunque siano ben oltre le soglie consentite dalla legge entrambi i soggetti venivano dichiarati in stato di arresto.Espletati gli atti di rito presso gli uffici del Comando Compagnia di Trapani il Fortunato Daniele veniva tradotto presso il proprio domicilio, al regime degli arresti domiciliari, mentre il Fortunato Fabio tradotto presso il carcere di Trapani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del processo.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRagazzi aggrediti a colpi di sedia
Articolo successivoIl “Senso Comune”