Ricordare Rita Atria per risvegliare le coscienze: ieri presenti anche duecento giovani di Libera (VIDEO)

1228

PARTANNA. Sono arrivati da tutta Italia per non dimenticare la “picciridda”. A distanza di 26 anni dalla morte di Rita Atria, oltre a coloro che ci sono sempre stati, si sono aggiunti anche duecento giovani del raduno nazionale under 30 di Libera.

Rita, è considerata la settima vittima della strage mafiosa di via D’Amelio, quella dove il 19 luglio del 1992 morirono uccisi dal tritolo di Cosa nostra il procuratore Paolo Borsellino e i suoi cinque agenti della scorta, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina, Walter Eddie Cosina.

La sua vita è strettamente legata a quella del giudice Paolo Borsellino, che sin dal primo momento per lei è stato come un padre. Alla morte del giudice, dopo esser diventata testimone di giustizia, la picciridda si è sentita sola e dopo pochi giorni si lanciò dalla finestra del suo appartamento romano. La piccola Rita ha perso così la propria vita, lontana dalla sua Partanna e dalla Sicilia. Ma i responsabili della sua morte sono i mafiosi e il silenzio.

Quella di Rita, oggi, è una memoria viva, come ci suggerisce Don Ciotti, che continua a lasciare un segno indelebile nelle coscienze delle nuove generazioni. Il ricordo di Rita, infatti, non si ferma solamente al 26 luglio, ma rivive quotidianamente nelle nostre azioni individuali di responsabilità e impegno.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIntitolata all’agente Pietro Cerulli la Casa Circondariale di Trapani
Articolo successivoTermina la fuga per Zayar Nizar, evaso dagli arresti domiciliari dal 2017
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.