Turismo, importante vetrina per Castellammare al TIMWCAP di Catania. Claudia Malva: “Puntiamo a un turismo sempre più personalizzato”

1449

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Un’importante vetrina turistica per Castellammare del Golfo alla TIMWCAP di Catania, tra gli ospiti anche la Castellammarese Claudia Malva, founder and CEO del portale turistico “Castellammare da Vivere” e del progetto Digito. Tra i relatori: Luca Caputo, Tourism Consultant ed Advisor Bit Milano; Francesco Biacca – Founder de Il Festival dell’Ospitalità che si svolgerà a Nicotera dal 28 al 30 settembre 2018; Massimo Bello dell’Associazione Startup Turismo e Sergio Serafini founder di Tripoow.

 L’evento, tenutosi lo scorso 6 giugno, rivolto agli esperti del settore turistico digitale, è stato un momento di confronto e di dialogo sui temi che sempre più diventano strategici nel mondo del turismo digitale, dell’accoglienza e dell’offerta turistica.

Claudia Malva ha portato la sua esperienza castellammarese, ovvero il suo portale turistico “Castellammare da Vivere” sempre più in crescita e ricco di contenuti. Ma non solo. Infatti, oltre al portale turistico, è stato anche oggetto di interesse da parte dei partecipanti al workshop, rivolto principalmente alle start-up del settore, il progetto Digito, la creatura di Claudia Malva e del suo staff che da due anni porta Castellammare ad essere centro di confronto tra esperti del settore del marketing e del turismo. “Stiamo già lavorando alla terza edizione di Digito, un evento ormai centrale e fondamentale per la crescita della nostra offerta turistica. – ha spiegato ad Alqamah.it Claudia Malva – Quello che per ora sto portando avanti, senza finanziamenti alle spalle, è il passo in avanti di “Castellammare da Vivere”, ovvero la trasformazione dei contenuti sempre più personalizzati e a misura di turista. Per me è importante che il turista abbia la possibilità di poter esplorare i contenuti a in base alle proprie esigenze, per questo è importante una ricca e più vasta offerta turistica”. La sua ricetta è semplice, fare rete non solo con gli operatori del settore, ma anche soprattutto con il territorio: “Ho scelto di lavorare qui proprio perché amo questa terra e credo nel suo potenziale, per questo motivo credo che la strada da percorrere sia quella di offrire al turista un pacchetto completo e sempre più personalizzato”.

Un altro dei progetti che Claudia Malva sta portando avanti è sicuramente “il festival del turismo digitale” che permetterà di conoscere le nuove frontiere dell’accoglienza turistica per poterle applicare al nostro territorio, in chiave ovviamente digitale, virtuale e sfruttando i big data. Un festival ancora “work in progress” che nasce da Castellammare, ma rivolto all’intero territorio (intero inteso nella sua interezza regionale e nazionale) intanto Claudia Malva e il suo portale “Castellammare da Vivere” saranno ospiti in altri due eventi simili in Calabria e in Puglia nei prossimi mesi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLavoro nero e prodotti pericolosi
Articolo successivo“Scirocco Wine Fest”: quattro giorni a Gibellina tra vino e culture mediterranee.
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.