Rapina aggravata, resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di armi e rifiuto d’indicazione sulla propria identità personale.

1934

Nella serata di ieri personale della Squadra Volante ha tratto in arresto un pregiudicato, già noto alle Forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e stupefacenti, per essersi reso responsabile di numerosi reati, vale a dire di rapina aggravata, resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di armi e rifiuto d’indicazione sulla propria identità personale.

Intorno alle ore 20.00 di ieri, il personale operante nel servizio di controllo del territorio è intervenuto in soccorso del gestore di un noto supermercato di Valderice, in quanto l’odierno arrestato, Maurizio MESSINA classe 80, trapanese, non vedendo soddisfatta la propria pretesa di prendere degli alcolici dal supermercato senza pagare, aveva estratto un coltello brandendolo nei confronti dell’esercente dell’attività commerciale, alla presenza di altri clienti.

Gli operatori della Squadra Volante, tempestivamente giunti sul posto, in pochi attimi hanno acquisito tutte le informazioni utili alla ricostruzione dei fatti, soprattutto al fine di poter raggiungere il rapinatore.

Subito individuato, si è rifiutato di fornire i propri documenti ed ha nuovamente estratto dalla tasca il coltello, puntandolo questa volta contro le forze dell’ordine; gli agenti, tuttavia, con la consueta prontezza professionale, gli hanno impedito di portare ad ulteriori, malsane, conseguenze le sue azioni.

Privato dell’arma dalle mani, nonostante la resistenza fisica opposta, è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOmicidio D’Aguanno, ritrovata dai Carabinieri l’arma del delitto
Articolo successivoCercava asilo politico, ma era ricercata