Area Baden-Powell, lettera aperta del gruppo scout Castellammare 1

3299

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Riceviamo una lettera aperta del gruppo scout Castellammare 1 sulla gestione dell’area Baden-Powell  di Castellammare.

“La nostra associazione AGESCI, che si rifà all’intuizione pedagogica ed agli scritti di Robert Baden-Powell, ha come obiettivo l’educazione con il metodo scout di giovani che possano essere, una volta adulti, buoni cittadini e buoni cristiani. In tal senso lo scautismo si ispira, tra l’altro, a valori quali la partecipazione attiva e la legalità, la solidarietà ed il servizio nei confronti dei più deboli, l’amore ed il rispetto per la natura e per il creato, cercando di mettere in pratica quanto indicato dal fondatore del movimento scout.

Amare la natura, per noi scout, significa saper vivere in equilibrio con il Creato sfruttando i suoi doni senza deturparlo; significa fare scelte concrete in tale direzione, avere un senso di fiducia nelle potenzialità della nostra città e lavorare perché i cittadini si sentano coinvolti in prima persona nella cura del territorio.

Per questo motivo vogliamo fare presente a tutta la cittadinanza il nostro rammarico nell’aver appreso che l’intitolazione dell’area verde al nostro fondatore Baden Powell, nella quale periodicamente promuoviamo esperienze di responsabilità e cura del bene comune, agli occhi di molti ci fa responsabili in termini di manutenzione e pulizia.

Ci teniamo dunque a precisare che la richiesta d’intitolazione fatta al comunale  qualche anno  fa, per la nomina dell’area, nasce da un’iniziativa nazionale AGESCI in occasione del Centenario dello Scoutismo; che non ha MAI presupposto  l’affido o la bonifica periodica della suddetta area. Ma soprattutto nessun contratto, e/o assegnazione  è pervenuta al gruppo in cui si evidenziava la volontà dell’amministrazione comunale  di affidare a noi scout questo compito.

Teniamo a chiarire un ultimo aspetto circa la questione: Non è un compito che ci fa rispettosi  del bene più prezioso che abbiamo: il nostro paese. E  per questo motivo, come è nel nostro stile, continueremo a spingere i ragazzi che ci sono stati affidati a fare del loro meglio attraverso iniziative di carattere puramente volontario ed educativo. Torneremo presso l’area Baden Powell come in tutti i posti di cui ci siamo presi cura e continueremo a operare come “buoni cristiani e buoni cittadini”.

In merito a ciò, oltre il necessario intervento di tipo organizzativo, auspichiamo interventi per la responsabilizzazione dei cittadini da attuarsi sia attraverso campagne educative che con interventi sanzionatori nei confronti di coloro che non rispettano le regole.  Desideriamo chiedere un impegno concreto, fatto principalmente di testimonianza, di trasparenza e sincerità nel rapporto con i cittadini e con le associazioni.

Ci auguriamo, quindi, che la competizione elettorale  possa essere un momento di crescita per noi tutti e per la nostra città; da parte nostra,  osserveremo con sguardo critico e costruttivo, aspettandoci un  impegno anche nelle direzioni che abbiamo voluto suggerire. Il gruppo scout Castellamare 1”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteToscano replica al movimento CIVES
Articolo successivoUn 10 Giugno “caldo”