Bologna interviene sulla vicenda della messa in vendita del Trapani Calcio

1855

Una prima reazione alla messa in  vendita del Trapani Calcio viene dal mondo della politica, nello specifico dal candidato Sindaco di Trapani Giuseppe Bologna:

“Avendo appreso della lettera che il patron del Trapani Calcio, Vittorio Morace, ha inviato ai tifosi, in cui rende noto  “di non avere più la forza di continuare il progetto Trapani Calcio”, il candidato sindaco di Trapani, Peppe Bologna, nell’ambito della diversificazione delle sue attività imprenditoriali, ha chiesto di incontrare i consulenti di fiducia della famiglia Morace per valutare la possibilità di rilevare la società granata assieme ad altri imprenditori. Bologna ha affidato il compito allo studio legale “Gino Bosco” ed all’attuale consulente del Palermo Calcio Toni Sichera per verificare le condizioni di tale ipotesi.

Riceviamo e pubblichiamo
La collega giornalista Azzurra Schiera in nome e per conto del padre Toni Schiera ha inviato la seguente nota: “Toni Sichera non ha ricevuto da Peppe Bologna nessun incarico per verificare le condizioni per rilevare la società granata assieme ad altri imprenditori, come è stato erroneamente riportato nel comunicato del candidato.Chiediamo pertanto che dall’articolo venga rimossa questa inesattezza. Azzurra Schiera
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Trapani Calcio messo in vendita. Morace: “Non ho più la forza di continuare”
Articolo successivoRimpatriato un cittadino di nazionalità egiziana