Passa il referendum

1254

Misiliscemi vota per la sua autonomia da Trapani

Il referendum sull’autonomia delle frazioni dell’area di Misiliscemi ha raccolto il quorum positivo. Le urne delle frazioni hanno determinato la vittoria dei Si. Si trattava di un referendum consultivo, adesso la procedura per l’autonomia passa al vaglio dell’aula parlamentare dell’Ars. Non sono previsti tempi brevi e la sorpresa è dietro l’angolo. I gruppi politici potrebbero ribaltare il voto referendario. Si attende in particolare ciò che intenda fare il presidente del Governo regionale, Nello Musumeci. Il Parlamento regionale infatti deve votare una legge che sancisca l’autonomia di Misiliscemi e la nascita del nuovo Comune. Nelle otto frazioni di Locogrande, Guarrato, Pietretagliate, Marausa, Rilievo, Palma, Salinagrande è bastata aggiungere la percentuale del 52,04%. Voto a valanga per il Si, con l’89,51%. da una legge regionale. Dovrà invece essere avviato a breve (6 mesi successivi al referendum) il confronto tra Comune di Trapani ed istituendo Comune di Misiliscemi per la sistemazione dei rapporti finanziari e patrimoniali. Nulla cambia rispetto al voto amministrativo del 10 giugno, gli elettori delle frazioni che hanno scelto la via dell’autonomia, parteciperanno ugualmente al rinnovo di sindaco e Consiglio comunale a Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSpeciale elezioni, Intervista al candidato Sindaco Giuseppe Lo Porto: “Riallacciare fiducia tra cittadini e Amministrazione”. VIDEO
Articolo successivoProcessione in onore di Maria Ausiliatrice. Il sogno oltre il rito.
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.