L’Area Marina Protetta Isole Egadi incontra i dirigenti scolastici della Sicilia per il progetto “Ospita una tartartuga”

828

FAVIGNANA. L’AMP Isole Egadi, in collaborazione con la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, nella persona del Direttore Generale, Dott.ssa Maria Luisa Altomonte, e del dirigente Tecnico, Dott.ssa Sebastiana Fisicaro, ha stipulato un protocollo d’intesa il 30/08/2017.

Lo scopo del protocollo è stabilire un rapporto di collaborazione della didattica ed educazione ambientale, attraverso la promozione e realizzazione di iniziative volte a sensibilizzare, educare e formare i Dirigenti scolastici e i docenti, favorendo una relazione tra istituzione scolastica e territorio, attraverso la promozione di reti di scopo sull’educazione allo Sviluppo Sostenibile. In particolar modo, per l’anno scolastico 2017/18 è stato avvisto il progetto “Ospita una tartaruga”, il cui scopo, mediante la divulgazione delle attività svolte dall’AMP presso il proprio Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine, è quello di promuovere e sensibilizzare dirigenti, docenti e studenti sulle tematiche ambientali, anche con l’opzione dell’approfondimento di conoscenze disciplinari curricolari.

A tale scopo, l’8 maggio scorso, presso la prestigiosa aula Magna del Liceo Scientifico Benefratelli di Palermo, è stato organizzato un seminario residenziale rivolto a tutti i dirigenti scolastici delle reti di ambito della Sicilia.

Il seminario, alla presenza del Direttore dell’AMP Stefano Donati, del Dirigente regionale Sebastiana Fisicaro e condotto dallo staff scientifico del Centro di Primo Soccorso tartarughe (Dott.sse Giorgia Comparetto, Ilaria Rinaudo, Monica Russo e Daniela Sammartano) ha voluto sensibilizzare dirigenti e docenti presenti sulle tematiche dell’educazione ambientale e illustrare le peculiarità dell’Area Marina Protetta Isole Egadi, al fine di incentivare l’organizzazione di percorsi didattici, da svolgersi presso il territorio egadino, finalizzati all’approfondimento di tematiche relative alla biologia e all’educazione ambientale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDue cose su certa toponomastica cittadina
Articolo successivoCastellammare, entrano nel vivo i festeggiamenti per Santa Rita