La TH Alcamo ha sospeso per protesta nei confronti del Comune l’attività sportiva…

2108

Le prime reazioni all’aumento delle tariffe per gli impianti sportivi apportate dal Comune di Alcamo, la TH Alcamo sospende le attività

ALCAMO. La Th Alcamo Pallamano ha sospeso in segno di protesta nei confronti del Comune, l’attività della prima squadra militante nel campionato di Serie A2 e delle squadre del settore giovanile Under 15 e Under 13, dopo che questa mattina è venuta a conoscenza dell’entrata in vigore delle nuove tariffe per l’utilizzo del Nuovo Palaverga e del Pala D’Angelo.

“Tariffe aumentate a dismisura, – spiegano in una nota –  che si pensava entrassero in vigore con l’inizio della nuova stagione agonistica.  Così non è stato, perché oltre al danno è arrivata anche la beffa, perché al momento di pagare la quota per l’utilizzo del Nuovo Pala Verga il Presidente della Th Alcamo Gaspare Randes ha costato come il comune di Alcamo, sin  da oggi, ha messo in vigore le nuove tariffe.

Vediamo quelle che riguardano, come detto gli impianti che ospitano la Pallamano, Nuovo Palaverga, Pala D’Angelo e il Pala Tre Santi, Basket e la Vecchia Tensostruttura sempre di Via Verga, Pallavolo e Basket.

Fino al 31 Marzo scorso – continuano – si pagava  Euro 2.50 ora, senza distinzione tra diurno e serale. Con le nuove tariffe si passa a Euro 8.00, il diurno, Fino alle ore 20.00, euro 13.00 dalle ore 20.00 in poi. Ma non è finita qui, perché le partite ora si pagano a parte, quindi nel caso della Th Alcamo che svolge solo attività federale,  quelle del settore Giovanile Costano 27 euro, mentre quelle della prima squadra se giocate entro le ore 20.00, euro 75, dopo le ore 20.00, euro 105  a queste cifre bisogna aggiungere il 22% d’Iva! Un vero proprio Salasso per la Th Alcamo, che per tutte le associazioni sportive che svolgono attività negli impianti in questione. 

Se da un lato ci si attendeva un ritocco alle vecchie ed economiche tariffe, ora ci si trova al cospetto di cifre che vanno ad incidere in maniera decisiva su i bilanci delle associazioni sportive alcamesi, come ad esempio la Th Alcamo che non riceve da più di cinque anni  contributi da parte dello stesso Comune. 

Aumenti per certi versi sproporzionati,  che hanno colto di sorpresa la stessa consulta delle sport del comune di Alcamo presieduta da Francesco D’Angelo,  che si riunirà domani in seduta straordinaria e convocata proprio per discutere di tale  delicato provvedimento, dopo non essere stata sentita, preventivamente come organo che può solo dare un parere consultivo.

Alla fine con i voti della maggioranza del consiglio comunale di Alcamo – sottolineano – è passata la delibera, con uno “sconto ” del 30% , grazie ad un  emendamento del Conigliere d’opposizione Pito’, altrimenti gli aumenti sarebbero stati ancora più alti, con lo stesso Pito’ che aveva chiesto alla maggioranza,  prima di votare detta delibera di sentire il pare della consulta dello sport.

Pregiudiziale Bocciata dalla maggioranza  e amministrazione comunale che andata avanti per la sua strada, fino all’atto finale di questa mattina con l’entrata in vigore della nuove tariffe. 

Da qui – concludono – la decisione di sospendere tutte le attività da parte della Th Alcamo in attesa della riunione della consulta dello sport e di capire se c’è la volontà da parte dell’Amministrazione comunale di Alcamo guidata dal Sindaco Surdi di dialogare con le associazioni sportive e di ascoltare le stesse società, senza passare da provvedimenti unilaterali che possono solo danneggiare seriamente lo sport nella città di Alcamo,  con tutto quello che ne può scaturire a livello sociale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione “Freezer”, il Comune di Alcamo sarà risarcito
Articolo successivoCastellammare, il cordoglio del Sindaco per la scomparsa del dipendente comunale Nicola Safina