Salemi, condannato a 16 anni il “re dei narcos” Salvatore Miceli

2593

Condannato per traffico internazionale l’uomo ritenuto “al servizio” di Matteo Messina Denaro

Foto ANSA

PALERMO. A interrompere la sua latitanza di lusso in hotel 5 stelle di mezzo Sudamerica furono i carabinieri di Trapani che, nel 2009, lo arrestarono all’alba davanti all’hotel Cumberland di Caracas nel corso di un’operazione coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo e condotta dai Carabinieri del Reparto Operativo di Trapani in collaborazione con l’Interpol.

Lo cercavano dal 2001 per un traffico di droga tra l’America Latina e l’Italia. Oggi il gup di Palermo, accogliendo le richieste dei pm della Dda Piero Padova e Carlo Marzella, ha condannato Salvatore Miceli, per anni nella lista dei trenta latitanti più pericolosi d’Italia, a 16 anni di carcere per traffico internazionale di stupefacenti.

Ritenuto capomafia di Salemi, città degli esattori mafiosi Nino e Ignazio Salvo, ha una precedente condanna sempre per narcotraffico ormai scontata. Ad affidargli il business della droga era stato, attraverso il suo consigliere Pino Lipari, Bernardo Provenzano che di lui si fidava ciecamente.

Nell’ottobre del ’90 di Miceli si occupò l’allora procuratore di Marsala, Borsellino, che lo fece arrestare grazie alle dichiarazioni della collaboratrice di giustizia Giacoma Filippello. Oggi è ritenuto un uomo di Matteo Messina Denaro.

Fonte ANSA

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Cittadella dei Giovani, batti e ribatti tra Sucameli e l’Assessore Di Giovanni
Articolo successivoSpareggio Messina Th Alcamo