Castellammare, gli alunni del plesso “Crispi” ricordano le vittime innocenti delle mafie

1807

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Questa mattina presso la scuola “Francesco Crispi” di Castellammare del Golfo gli alunni delle classi quinte e alcuni della prima media del plesso “Pitrè” hanno incontrato i referenti del locale presidio di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” intitolato a Piersanti Mattarella. I ragazzi, in occasione del 21 marzo, primo giorno di primavera ma anche la giornata nazionale in memoria delle vittime innocenti delle mafie, hanno organizzato un piccolo momento di ricordo. In particolare i referenti di Libera hanno puntato l’accento sulle iniziative portate avanti dall’associazione in questi anni e hanno ricordato le storie di alcune vittime innocenti, tra questi i castellammaresi Piersanti Mattarella, Gaspare Palmeri e Paolo Ficalora. Gli studenti, guidati dalle insegnanti Anna Maria Varvaro, Rossella Barbara, Angela Poma e Vincenza Pirrello, hanno dialogato con i referenti del presidio di Libera Roberto Odisseo e Domenico Grassa. Ma è stato anche un momento per ricordare la storia di Barbara Rizzo e dei suoi due gemellini Giuseppe e Salvatore Asta. Storie che si uniscono a quel lungo elenco composto da oltre 950 vittime innocenti. Un momento di memoria e di impegno collettivo che oggi si svolge contemporaneamente in tutta Italia. Un cammino tracciato nel segno della legalità.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncendio a Catania, muoiono due Vigili del fuoco, tra questi un trapanese Giorgio Grammatico. Un collega: “Un uomo generoso e altruista nel vero senso della parola”
Articolo successivoLe ambulanze 118 della provincia sono in stato di abbandono. Macaddino: “Intervengano i vertici Seus per ripristinare sicurezza”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.